Skip to content

Modelli di organizzazione del governo: prospettive di riforma del caso italiano

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Bellini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Francesco Battegazzorre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

Citando Stein Rokkan , “le elezioni possono essere definite procedure istituzionalizzate per la scelta di titolari di cariche da parte di alcuni o di tutti i membri di una determinata collettività”. Se si guarda al di là di queste icastiche definizioni, ci si accorge che il problema elettorale costituisce un momento centrale della democrazia politica e che sia le sue giustificazioni teoriche sia le sue applicazioni pratiche incidono profondamente sulla vita delle società che ne sono investite, tanto da divenire una delle colonne portanti su cui si dibatte di continuo.
Chi affronti l’argomento dei sistemi elettorali non può quindi limitarsi ad esaminare il problema dal lato esclusivamente tecnico e a presentare una classificazione più o meno ordinata e completa delle procedure e dei meccanismi adottati nel tempo e nello spazio per la trasformazione dei voti in seggi. C’è il rischio, in questo modo, di non cogliere il significato e la funzione reale dei sistemi elettorali nelle società contemporanee. Essi sono, in sostanza, degli strumenti tecnici dotati di valenza politica fortissima capaci di incidere profondamente sia dal punto di vista qualitativo, che da quello quantitativo sulla rappresentanza politica.
Se si scende ad esaminare in particolare ciò che sono le elezioni è bene ribadire che dal punto di vista tecnico mezzi per l’inserimento di individui o cariche autoritative che si distaccano da altri metodi pacifici di preposizione quali quello ereditario, professionale, per sorteggio, per nomina, per acclamazione.
Nel primo caso l’accesso alla carica potestativa avviene per diritto di nascita (ad esempio la successione al trono; nel secondo è legato alla funzione professionale rivestita dal soggetto (ad esempio chi è rivestito da carisma sacerdotale può fare il giudice); nel terzo sulla scia della concezione democratica aristotelica che stabilisce nella rotazione delle cariche il sorteggio, coloro che debbono rivestire posti di responsabilità all’interno di una determinata comunità sono scelti a caso fra gli aventi diritto; nel quarto gli “office holders” vengono nominati da un organismo di solito sovraordinato.
Per quanto riguarda poi il sistema dell’acclamazione, esso può coesistere "formalmente" con un concetto di procedura elettorale molto semplificato.
Storicamente l’"acclamatio" ha origini romane, ma dal punto di vista deliberativo le sue radici più salde si situano sia nel medioevo germanico, dove le assemblee approvavano in questo modo le leggi proposte dal sovrano, sia nella storia della Chiesa, in cui il Pontefice può essere scelto anche quasi per ispirationem.
Per avere un quadro più chiaro di cosa sono le elezioni bisogna però abbandonare il mero momento tecnico.
Sempre in termini generali le elezioni implicano una scelta per fare qualcosa e per uno specifico lasso di tempo. Per quanto riguarda il 1° punto i fini possono essere innumerevoli, mentre la durata della carica può essere vitalizia, a tempo, oppure effimera. D’altro canto è bene mettere in evidenza che esistono nella realtà molti tipi di elezioni, e che queste si qualificano in relazione all’ambito in cui vengono tenute.
Così si possono distinguere, elezioni a carattere giuspubblicistico o privato a seconda che abbiano rilevanza per l’ordinamento statuale o meno.
All’interno del primo gruppo si possono individuare le elezioni politiche, ovvero quelle che riguardano la rappresentanza parlamentare o il responsabile dell’esecutivo e quelle amministrative; sono proprio le elezioni politiche che verranno trattate a livello di formule prima e di legge elettorale poi in questo lavoro.
In più si possono distinguere le elezioni a seconda della partecipazione mediata o immediata della totalità degli aventi diritto ad esprimere il suffragio: il che vuole dire separare le elezioni dirette, dove l’elettore partecipa personalmente alla scelta, da quelle indirette a due o più gradi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 ELEZIONI E SISTEMI ELETTORALI 1 LE ELEZIONI Citando Stein Rokkan 1 , “le elezioni possono essere definite procedure istituzionalizzate per la scelta di titolari di cariche da parte di alcuni o di tutti i membri di una determinata collettività”. Se si guarda 2 al di là di queste icastiche definizioni, ci si accorge che il problema elettorale costituisce un momento centrale della democrazia politica e che sia le sue giustificazioni teoriche sia le sue applicazioni pratiche incidono profondamente sulla vita delle società che ne sono investite, tanto da divenire una delle colonne portanti su cui si dibatte di continuo. Chi affronti l’argomento dei sistemi elettorali non può quindi limitarsi ad esaminare il problema dal lato esclusivamente tecnico e a presentare una classificazione più o meno ordinata e completa delle procedure e dei meccanismi 1 Electoral Systems, in int. Encyclopedia of social science. 2 Lanchester Fulco, "Sistemi elettorali e forma di governo", Il Mulino, Bologna, 1981, pag.13.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

forme di governo
forme di stato
parlamentarismo
presidenzialismo
riforme istituzionali
sistema politico italiano
sistemi elettorali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi