Skip to content

Campagna elettorale tra tv e internet: analisi delle elezioni europee 2009 in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Lopez
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione politica e sociale
  Relatore: Gianpietro Mazzoleni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

Tra il 4 e il 7 giugno 2009 più di trecento milioni di persone si sono recati alle urne per eleggere il nuovo Parlamento Europeo, un’assemblea di cui tutti conoscono il nome ma spesso ne ignorano l’importanza, le funzioni e le attività. Forse non tutti sono a conoscenza del fatto che il 70% delle leggi approvate in Italia sono la ratifica di direttive che provengono da Bruxelles, in altri termini sono una trasposizione diretta delle norme europee. Le elezioni europee 2009 saranno le prime a svolgersi secondo il Trattato di Lisbona: con la sua entrata in vigore nel dicembre 2009, il ruolo del Parlamento europeo sarà ulteriormente rafforzato in quanto dotato di nuovi importanti poteri in materia di legislazione e bilancio nonché di maggiore peso nella stipula di accordi internazionali. Questo lavoro si divide specificatamente in sei capitoli. Nel primo focalizzo l’attenzione sul Parlamento europeo descrivendone distintamente i poteri e le funzioni che lo contraddistinguono e in un’ottica strutturale quanti seggi conta e su quali basi avviene la suddivisione tra i diversi partirti politici europei. Consapevole del gap esistente tra i cittadini e le istituzioni europee, il Parlamento, coadiuvato dalla Commissione europea e il Governo italiano, si è posto una sfida, dallo slogan “Comunicare per coinvolgere", per accrescere nei cittadini la consapevolezza dei benefici dell'Ue e per stimolarne la partecipazione.
Nel secondo capitolo si è voluto tracciare un profilo degli euro candidati italiani proposti dalle varie liste: rispetto alle precedenti elezioni la scelta di questo o quel candidato ma soprattutto i criteri utilizzati hanno inciso fortemente sul contesto socio - politico nazionale e hanno avuto grande risalto sui media italiani e stranieri. Di seguito si entra nel vivo della dissertazione: il terzo capitolo, infatti, verte sullo studio minuzioso della campagna elettorale condotta dai partiti attraverso i differenti media a loro disposizione quindi spot televisivi, siti internet e cartellonista pubblicitaria. Sotto la lente sono stati posti i programmi elettorali dei due grandi partiti italiani ovvero Partito delle libertà e Partito democratico cercando di individuare le parole chiave su cui si è basata interamente la loro campagna. Infine si è fatta una cernita circa gli avvenimenti più significativi che hanno caratterizzato la competizione elettorale: essa difatti si è svolta in un clima interno ed internazionale molto particolare che non ha facilitato un confronto e un dibattito politico di carattere europeo.
Il quarto capitolo è rivolto anch’esso alla sfida partitica ma da un punto di vista tattico: sono state esaminate le scelte organizzative, strategiche e comunicative, dei principali partiti italiani i quali si sono attivati sostanzialmente sul territorio, riscoprendone l’importanza. La seconda parte del medesimo capitolo è rivolto ai costi elettorali e ai sondaggi, elementi imprescindibili nell’analisi di una campagna elettorale divenuti da tempo assi portanti dell’informazione politica. Il quinto capitolo è costituito dall'analisi del risultato pervenuto dallo scrutinio delle schede: si è voluto comparare i risultati espressi dall’attuale consultazione con quelli di cinque anni prima. Il sesto e ultimo capitolo si fonda su un’analisi attenta e precisa dell’agenda europea dei media lungo un arco temporale di due mesi, aprile e maggio. Nello specifico nel primo paragrafo sono state oggetto di studio le tribune elettorali e le puntate dei programmi di informazione politica quali Porta a Porta e Matrix trasmesse nel periodo di campagna elettorale; grande attenzione è stata data ai telegiornali di Tg1 e Canale5, i quali rappresentano attualmente il principale mezzo utilizzato dagli italiani per formarsi un’opinione sull’offerta politica. In secondo luogo l’attenzione è stata spostata sui quotidiani attraverso i quali si è ricostruita la campagna elettorale, i temi trattati, le candidature e i programmi dei partiti nazionali ed europei: sono stati confrontati la Repubblica e il Corriere della Sera in quanto sono i principali giornali a diffusione nazionale che meglio rispecchiano gli orientamenti politici. Nel complesso è stato valutato il contenuto dell’agenda mediale offerto nel periodo di campagna elettorale e se le informazioni divulgate risultano confacenti alla costruzione di un quadro interpretativo utile per l’elettorato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL PARLAMENTO EUROPEO 1.1 DESCRIZIONE DELL’ISTITUZIONE 5 Il Parlamento europeo è l’istituzione comunitaria che rappresenta la volontà democratica dei 500 milioni di cittadini residenti nei 27 Stati membri dell’Unione europea. E’ l’unico Parlamento transnazionale al mondo, infatti, eletto a suffragio universale. La prima votazione diretta avvenne nel giugno 1979, prima di allora i deputati europei venivano nominati dai rispettivi governi nazionali ed avevano tutti un doppio mandato. Dal 1958, quando era un’Assemblea parlamentare europea, la composizione e i poteri assunti da questa istituzione sono cambiati notevolmente, frutto dei progressivi ampliamenti dell’Unione europea e delle revisioni dei Trattati alla base della cooperazione. Dal ruolo meramente consultivo che rivestiva nel 1958, è divenuto co-legislatore, assieme ai rappresentanti dei governi nazionali, per la maggior parte della normativa UE; i dibattiti e le risoluzioni, da esso proposte, dettano spesso l’agenda europea influenzando le decisioni del Consiglio. Questa istituzione esercita tre poteri fondamentali: il potere legislativo, nel quadro della procedura di cooperazione, che le permette congiuntamente al Consiglio dei ministri di approvare gli atti proposti dalla Commissione europea; il potere di bilancio, ovvero adotta o respinge il bilancio presentato dalla Commissione ed esaminato congiuntamente al Consiglio ed infine il potere di controllo democratico e di supervisione su tutte le altre istituzioni dell’UE e in particolare 6 sulla Commissione. 5 Ha la propria sede ufficiale a Strasburgo mentre le riunioni delle commissioni parlamentari e le eventuali sessioni plenarie straordinarie si svolgono a Bruxelles. 6 Il Parlamento europeo ha il potere di approvare o respingere la nomina dei commissari e ha il diritto di censurare collettivamente la Commissione. 10

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agenda europea dei media
analisi del voto
analisi della stampa
campagna elettorale
elezioni europee 2009
i costi della campagna
la competizione elettorale
messaggi elettorali
parlamento europeo
profilo d'identità del leader
programma elettorale
programmi di informazione politica
sondaggi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi