Skip to content

Attacchi di panico e Mindfulness

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Giacomelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinica e della salute
  Relatore: Carlo Di Berardino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

L’attacco di panico può manifestarsi in una varietà di disturbi d’ansia. Il termine ansia definisce un particolare stato psicofisico che sopravviene quando un individuo, in una situazione di pericolo o di incertezza, si sente indifeso e impotente. Quando il livello di attivazione neurofisiologica e di ansia rimangono costantemente elevati senza la presenza di stimoli obiettivamente pericolosi, allora si parla di ansia vera e propria. Il panico è uno stato d’ansia particolarmente intenso in assenza di un pericolo reale, caratterizzato dalla presenza di pensieri catastrofici. Sussistono importanti differenze tra i soggetti che sperimentano attacchi di panico senza che questi assumano rilevanza clinica e i soggetti che sviluppano un Disturbo di panico: i primi manifestano una preoccupazione minima o nulla nei riguardi degli attacchi o della possibilità di sperimentarne altri, e lo associano con qualche evento o episodio passeggero. Nel DP, invece, si manifesta un'ansia anticipatoria, che si traduce nella paura di sperimentare nuovi attacchi e in comportamenti d’evitamento. Secondo l’approccio cognitivo l'interpretazione errata, o catastrofica, sarebbe il meccanismo fondamentale della ripetizione degli attacchi di panico: alcune sensazioni corporee percepite come molto pericolose verrebbero interpretate come segni imminenti di attacchi di panico innescando, così, un circolo vizioso che porterà poi all’esplosione vera e propria dell’attacco. Il primo passo verso la guarigione è quello di non avere fretta; il secondo è di non evitare di affrontare l’ansia. Se è vero che noi possiamo condizionarci non solo per semplice associazione (condizionamento classico), ma anche perché interpretiamo un certo evento come segno di qualcos’altro (modello cognitivo-comportamentale), allora vanno modificati quegli assunti e quei pensieri automatici che portano ai comportamenti disadattivi. Mindfulness significa “porre attenzione intenzionalmente, nel momento presente e in modo non giudicante”: essa influisce sulla nostra capacità di padroneggiare le situazioni difficili, conferendo un maggior potere di gestione dello stress e dei problemi quotidiani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Attacchi di panico e Mindfulness 16 Approccio comportamentale: il condizionamento Nella teoria comportamentista se uno stimolo neutro si associa, del tutto occasionalmente, all ‟attacco d ‟ansia si produrrà un condizionamento in grado di indurre successivamente l ‟attacco di panico con la sola presenza dello stimolo neutro. A volte questi stimoli possono consistere nella percezione di marginali sintomi somatici (ad esempio tachicardia), a volte sono rappresentati dai luoghi e le situazioni in cui il soggetto sperimenta gli attacchi. Evitando le situazioni in cui l'attacco di panico potrebbe manifestarsi, il soggetto riduce le probabilità di sperimentare un ulteriore attacco e, in questo modo, rinforza la condotta di evitamento. Dunque, gli stimoli che, inizialmente neutri, possono subire il processo di condizionamento, sono essenzialmente di due tipologie: i contesti (luoghi e situazioni) in cui si sono verificati gli attacchi di panico e le sensazioni enterocettive o gli specifici contenuti di pensiero che vengono associati all'attacco di panico. Approccio cognitivo: il modello di Clark Gli approcci cognitivi generalmente concordano nel ritenere l'interpretazione errata, o catastrofica, il meccanismo fondamentale della ripetizione degli attacchi di panico. Infatti, il paziente che soffre di Disturbo di panico tenderebbe ad interpretare in modo distorto le sensazioni insolite provenienti dal proprio corpo, assumendo verso di queste un comportamento di ipervigilanza. Tendenzialmente, il paziente avverte per prima cosa i correlati somatici dell'attacco di panico (sintomatologia cardiocircolatoria, respiratoria, gastrointestinale, ecc.) e l'allarme che ne deriva innesca secondariamente l'attivazione dei correlati psichici. In altri termini, gli attacchi di panico avvengono quando gli individui percepiscono alcune sensazioni corporee come molto pericolose, vengono cioè interpretati come segnali di un ‟imminente ed improvvisa catastrofe. Spesso avviene che il soggetto abbia un attacco di panico quando interpreta la confusione mentale come un segnale di impazzimento imminente, o la tachicardia come segnale di infarto imminente. Queste sensazioni catastrofiche possono riguardare non solo sensazioni di paura, ma anche quelle di rabbia, o stimoli d ‟altra natura, come l ‟ipoglicemia o rilassamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ansia
attacco di panico
desensibilizzazione sistematica
disturbo di panico
esposizione in vivo
flooding
meditazione
mindfulness
modello di clark
pensiero catastrofico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi