Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Logiche e criteri di referenziamento dei fornitori nel Sistema Coop

All’interno di un contesto economico come quello attuale, sempre più critico, complesso, dinamico e difficile da decifrare, comprendere a fondo le dinamiche esistenti fra i diversi stadi del canale distributivo e analizzare le logiche con cui i diversi operatori gestiscono i propri rapporti commerciali – confrontandole eventualmente con quelle perseguite anche nel recente passato – diventa fondamentale.
In tale contesto, il presente elaborato si propone di indagare le percezioni dei buyer della G.D.O. relativamente al rapporto tenuto con i fornitori industriali e ai criteri con cui si selezionano gli stessi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 L‟evoluzione del rapporto tra industria e distribuzione in Italia. 1.1 Industria di marca e distribuzione: dal conflitto alla collaborazione. Con il passare degli anni, le logiche relazionali fra l‟industria di marca e le imprese commerciali hanno subito un graduale ma costante cambiamento, dovuto in parte all‟evolversi di strutture distributive via via più articolate e in parte al mutamento di tutte quelle condizioni economiche, ambientali e sociali che avevano permesso la proliferazione di una serie di comportamenti oggi del tutto anacronistici e superati. Unitamente a tale evoluzione, occorre sottolineare quanto, nel tempo, si siano andati ad alterare sia l‟organizzazione interna – nonché il ruolo – degli attori coinvolti, sia l‟intera struttura del canale distributivo: senza tali rinnovamenti, la distribuzione così come la conosciamo oggi non sarebbe mai venuta alla luce. 1 Alcuni autori hanno infatti evidenziato quanto, fino al recente passato, le relazioni fra impresa industriale e insegna fossero caratterizzate da una logica di tipo funzionale, in cui vigeva una politica industriale di sell in e una concezione di canale come una mera successione di mercati separati, dove le diverse individualità presenti erano nettamente distinte e totalmente indipendenti. In uno scenario come quello appena descritto, gli obiettivi preponderanti dell‟industria erano rappresentati principalmente dalla creazione di barriere all‟ingresso sul mercato 1 Pellegrini (2001), Bassi e Sacchi (2009) e Fornari (1990). 10

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Daniel Fornaciari Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2976 click dal 13/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.