Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dei biocarburanti nella crisi dei prezzi agricoli

I biocarburanti e la crisi dei prezzi agricoli: un'analisi quantitativa della trasmissione degli effetti i prezzo (orizzontale-verticale) e qualitativa, con particolare interesse per le politiche di promozione dei biofuel.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 Il 26 ottobre 2007 l'allora Relatore Speciale dell'ONU, Jean Ziegler, in una dichiarazione ormai nota, definì un crimine contro l'umanità la sottrazione di terra arabile alla produzione alimentare per la produzione di combustibili: "So it's a crime against humanity (...) to convert agricultural productive soil into soil ... which will be burned into biofuel," (…) "What has to be stopped is ... the growing catastrophe of the massacre 2 (by) hunger in the world." Al di là dell'intento provocatorio del responsabile dell'ONU, il suo messaggio non poteva essere maggiormente chiaro: la produzione di sarebbe tra le cause scatenanti l'impennata dei prezzi agricoli del 2007 e dunque aggraverebbe il già angustiante problema della fame nel mondo. In realtà, un'attenta analisi delle complesse relazioni tra la crescita della produzione di biocarburanti e l'aumento vertiginoso dei prezzi agricoli, dimostra come le conclusioni dell'esperto elvetico non siano affatto pacifiche. Scopo di questo lavoro è pertanto indagare se, e soprattutto fino a che punto, i due fenomeni sopra sintetizzati attraverso le parole del Prof. Ziegler siano da considerarsi secondo una relazione di causa-effetto e, cioè, se l'aumento della produzione di biocombustibili sia o meno un fattore determinante nella concomitante crescita dei prezzi dei prodotti agricoli su scala globale. Dato il tema dell'analisi, appare evidente come alcuni aspetti, seppure fondamentali nell'ottica dello sviluppo del comparto dei biocarburanti, non verranno trattati se non in via superficiale perchè, sostanzialmente, non di particolare rilevanza ai fini di questo studio. Si tratta, come anticipato, di tematiche di grande interesse e attualità: la questione energetica e gli aspetti connessi relativi all'intero settore delle rinnovabili, l'emergenza global warming e i problemi ambientali ivi annessi, le difficoltà tecniche e tecnologiche di sviluppo e consolidamento dei biofuel. D'altro canto, uno studio esaustivo sul tema esulerebbe dal contesto in cui si colloca il presente lavoro e rischierebbe comunque di essere tacciato di incompletezza laddove, non solo la letteratura sul tema è estremamente vasta ma, soprattutto, è in continua evoluzione. Premesso l'approccio sopra descritto, risulta necessaria un'altra precisazione: fino alle perplessità sorte circa gli effetti della produzione di biocarburanti sui mercati agricoli, il dibattito sul tema è 1Jean Ziegler è stato “UN Special Rapporteur on the Right to Food” dal 2000 all'Aprile 2008 2Ziegler J., relazione presentata alla Commissione dei Diritti Umani dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, 25/10/2007. Per maggiori indicazioni, consultare l'articolo di E.M. Lederer, UN expert seeks to halt biofuel output, in “The Independent”, 27/10/2007. 1 biofuel

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Sara Robabeh Djeveh Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1220 click dal 13/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.