Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I requisiti di tutela del brevetto

Questo lavoro si propone di analizzare i requisiti individuati dall’ordinamento italiano per la tutela del brevetto, in questa prospettiva il primo capitolo si propone di delineare il quadro normativo della tutela brevettuale, spostando quindi l’attenzione, nel secondo capitolo, sulla giurisprudenza più recente in ordine ai requisiti di tutela. La struttura del brevetto, infatti, è quella di un diritto esclusivo di utilizzazione dell’invenzione nel territorio dello stato concedente per un certo periodo di tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La presenza del brevetto in un sistema di libero mercato costituisce un apparente paradosso. Il brevetto, infatti, crea una situazione di monopolio, che è il contrario della concorrenza. Alla base del brevetto vi è però una giustificazione rilevante. Una prima giustificazione storica del diritto di esclusiva dell‟inventore è stata individuata nel diritto di proprietà. Secondo questa teoria, l‟inventore ha la facoltà di uso esclusivo dell‟invenzione, per la stessa ragione per cui chiunque ha la facoltà di uso esclusivo di ogni bene di cui sia proprietario. Successivamente è emersa una giustificazione diversa, che individua la ratio del monopolio brevettuale nella funzione di promozione del progresso tecnico propria del sistema brevettuale. Il brevetto garantisce infatti l‟inventore contro il rischio di distruzione del segreto. Il fatto che l‟esclusiva duri per il tempo fissato dall‟ordinamento evita alla collettività il rischio che il monopolio sull‟invenzione si protragga per un periodo troppo lungo. Inoltre, il brevetto assicura alla collettività l‟acquisizione stabile dell‟in- venzione al patrimonio collettivo. La dottrina ha affermato, infatti, come «alla base del sistema brevettuale vi sia una sorta di “contratto” tra inventore e collettività. L‟inventore mette a disposizione della collettività la sua invenzione, offrendo di essa una descrizione adeguata nella domanda di brevetto; la collettività remunera l‟acquisizione dell‟invenzione al patrimonio collettivo 1 attraverso l‟attribuzione di un diritto esclusivo di uso, limitato nel tempo». Questo lavoro si propone di analizzare i requisiti individuati dall‟ordinamento italiano per la tutela del brevetto, in questa prospettiva il primo capitolo si propone di delineare il quadro normativo della tutela brevettuale, spostando quindi l‟attenzione, nel secondo capitolo, sulla giurisprudenza più recente in ordine ai requisiti di tutela. La struttura del brevetto, infatti, è quella di un diritto esclusivo di utilizzazione dell‟invenzione nel territorio dello stato concedente per un certo periodo di tempo. 1 A. Vanzetti, V. Di Cataldo, Manuale di diritto industriale, Milano, 2009, p. 358. 3

Tesi di Master

Autore: Alberto Saccomani Contatta »

Composta da 28 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1359 click dal 17/01/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.