Skip to content

Retail Banking in Italia ed Europa: profili concorrenziali

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Stoffella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Simonetta Vezzoso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Il sistema finanziario e creditizio rappresenta un settore importante dell’economia internazionale; tuttavia, a causa di mercati sempre più dinamici, competitivi ed innovativi, si trova spesso al centro di discussioni circa la sua organizzazione e le norme che lo regolano. A seguito di un lungo periodo caratterizzato da una forte regolamentazione (principalmente per motivi legati al rischio intrinseco del settore in questione e alla necessità di tutela del consumatore) e da logiche distanti dal mercato e dall’efficienza produttiva, si assiste oggi ad un’evoluzione dell’assetto competitivo, dovuta da nuovi orientamenti nella domanda di prodotti e servizi bancari, dal progresso tecnologico e dall’integrazione europea. Per queste ragioni si rende necessario tutelare e allo stesso tempo sviluppare la concorrenza, nonostante tale concetto sia stato sostanzialmente ridisegnato con l’introduzione della legge Antitrust sia a livello di mercato comune europeo ma anche e soprattutto all’interno dei singoli Stati Membri.
Diversi sono i fattori che hanno facilitano l’integrazione e il consolidamento del settore bancario europeo nel corso degli anni: tra questi, la globalizzazione del sistema finanziario internazionale, i vantaggi tecnologici (specialmente nel trattamento dei dati), i miglioramenti nelle regole del mercato connesse all’introduzione dell’Euro e allo sviluppo della S.E.PA. e infine la diminuzione degli effetti delle barriere culturali e linguistiche .
La tesi si propone di approfondire alcuni aspetti concorrenziali del settore retail banking, in particolare per quanto riguarda le caratteristiche del mercato, osservando come siano la domanda e l’offerta a livello italiano ed europeo, la mobilità e il comportamento dei consumatori, nonché la condotta adottata dalle banche e i miglioramenti che questi soggetti possono attuare.
Le problematiche di concorrenza sono trattate coinvolgendo ed esaminando progetti ed iniziative dello scenario italiano ed europeo che si propongono di tutelare il consumatore e di permettere maggior trasparenza e mobilità nel settore finanziario: in particolare si esamineranno i progetti che il Consorzio Patti Chiari porta avanti per l’Italia e quelli della S.E.P.A. (Single Euro Payment Area) per l’Unione Europea. E’ importante sottolineare come tuttavia queste iniziative siano in continua evoluzione, se non addirittura ancora in fase di sviluppo: si pensi alla S.E.P.A. di cui si discute tanto e che entrerà in vigore solo nel 2008.
La tesi si sviluppa a partire da due inchieste: la prima, svoltasi nel settore dell’attività bancaria al dettaglio a livello europeo dalla Commissione Europea per la Concorrenza, avviata a giugno 2005 (a norma dell’articolo 17 del Regolamento CE n.1/2003), proseguita nel 2006 con una relazione intermedia sui conti correnti bancari e servizi collegati e conclusasi nel gennaio 2007, mentre la seconda è l’indagine conoscitiva riguardante i prezzi alla clientela dei servizi bancari avviata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in Italia a partire dal gennaio 2006.
Tali indagini trovano fondamento primariamente nell’importanza che il retail banking riveste per i consumatori e le piccole - medie imprese, nell’offrire loro servizi di vitale interesse; in secondo luogo, indagini settoriali di questo genere vengono svolte a seguito di evidenze che possono far pensare che la concorrenza venga falsata o ristretta all’interno del mercato comune o di un determinato settore economico. Le questioni fornite dall’indagine europea e che stanno alla base delle successive indagini svolte dalle Autorità nazionali competenti, riguardano proprio delle barriere concorrenziali esistenti nel retail banking (nelle forme di switching costs, asimmetria informativa e pratiche di tying) che potrebbero dare spiegazione delle deboli dinamiche competitive rilevate in tale settore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il sistema finanziario e creditizio rappresenta un settore importante dell’economia internazionale; tuttavia, a causa di mercati sempre più dinamici, competitivi ed innovativi, si trova spesso al centro di discussioni circa la sua organizzazione e le norme che lo regolano. A seguito di un lungo periodo caratterizzato da una forte regolamentazione (principalmente per motivi legati al rischio intrinseco del settore in questione e alla necessità di tutela del consumatore) e da logiche distanti dal mercato e dall’efficienza produttiva, si assiste oggi ad un’evoluzione dell’assetto competitivo, dovuta a nuovi orientamenti nella domanda di prodotti e servizi bancari, al progresso tecnologico e all’integrazione europea. Per queste ragioni si rende necessario tutelare e allo stesso tempo sviluppare la concorrenza, nonostante tale concetto sia stato sostanzialmente ridisegnato con l’introduzione della legge Antitrust sia a livello di mercato comune europeo ma anche all’interno dei singoli Stati Membri. Diversi sono i fattori che hanno facilitato l’integrazione e il consolidamento del settore bancario europeo nel corso degli anni: tra questi, la globalizzazione del sistema finanziario internazionale, i vantaggi tecnologici (specialmente nel trattamento dei dati), i miglioramenti nelle regole del mercato connesse all’introduzione dell’Euro e allo sviluppo della S.E.PA. (Single Euro Payments Area) ed infine la diminuzione degli effetti delle barriere culturali e linguistiche 1 ; con l’avvio della S.e.p.a., dal 2008 sarà possibile effettuare pagamenti (anche tramite carte di debito e/o credito) e operazioni bancarie all’interno della zona dell’Euro senza distinzione tra quelli transfrontalieri e nazionali, con la stessa semplicità di esecuzione con cui questi si sono finora svolti in ogni singolo Stato. La tesi si propone di approfondire alcuni aspetti concorrenziali del settore retail banking, in particolare per quanto riguarda le caratteristiche del mercato, soffermandosi 3 1 Da European Economy – Economic Papers no.226 “Integration and consolidation in UE banking – an unfinished business” di Christoph Walkner and Jean-Pierre Raes, 2005

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

a.g.c.m.
asimmetria informativa
barriere concorrenziali
commissione europea per la concorrenza
concorrenza bancaria
conto corrente
decreto bersani
durata conto corrente
finanziamento
indagini commissione europea
legge antitrust
legge tutela risparmio 262/2005
mobilità settore finanziario
multi banking
patti chiari
politiche di pricying
pratiche di tying
prodotti bancari
retail banking
s.e.p.a.
settore bancario
sistema finanziario e creditizio
switching costs
trasparenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi