Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il modello delle cure domiciliari come alternativa alla continuità assistenziale

Scopo: Rilevare in un campione di pazienti dimessi dall’ospedale, non necessariamente, con età superiore ai 65 anni che si sono rivolti al Dipartimento Cure Primarie - U.O. Anziani della zona socio-sanitaria 4 (savonese) della ASL2 ligure, il grado di soddisfazione dell’assistenza domiciliare nella continuità assistenziale ed individuare le eventuali criticità. raccogliere i suggerimenti/contributi forniti dai nuclei familiari alla equipe assistenziale durante la ricerca.
Materali e Metodi: Per questo studio il campione è costituito prevalentemente, ma non solo, da anziani di età superiore ai 65 residenti nella zona socio-sanitaria di Savona (ambito4) che usufruiscono delle cure domicialiri. Lo strumento usato è un questionario validato da cittadinanzAttiva e recuperato dal sito del Cespi. E’ stato adattato alla realtà savonese. Per arrivare al campionamento si sono analizzati i dati degli ultimi tre anni
Dei soggetti che hanno fruito di ADI a “media ed alta” complessità assistenziale e si è stabilito di includere nello studio tutti coloro che hanno fatto richiesta alla rete dei servizi territoriali per cure dom. dal 1 dicembre 2006 al 31 marzo ’07, considerando i criteri di inclusione e di esclusione: provenienti dall’ospedale dopo ricovero, provenienti dal domicilio per pregresso ricovero o per prevenire un ricovero con richiesta del MMG., residenti della zona sanitaria 4 distretto s.s. “savonese”, che necessitavano, dopo valutazione con UVG di intervento infermieristico e infermieristico/fisioterapico, pazienti con “media” e “alta” complessità assistenziale. Si è trattato di uno studio longitudinale, durata: 4 mesi si sono distribuiti 185 questionari e se ne sono ritirati 146 compilati pari a 78,91%. Unito al questionario è stato consegnato al reclutato/a il foglio informativo e il documento che garantisce la riservatezza dei dati. Il questionario è stato ritirato dal coord. Inf.co dell’ADI. dalla Scrivente e dal cood dei fisiotrapisti almeno dopo 15/20 giorni di assistenza domiciliare. Il questionario è stato testato al fine di verificare la comprensibilità del testo.
Risultati: i risultati del questionario hanno messo in luce un certo grado di soddisfazione manifestata dagli utenti e dai caregivers rispetto alle attese, alla disponibilità, al coordinamento, alla tempestività nella risposta, e hanno anche significato alcune criticità eccesso di burocrazia, evidenziando il tasso di invecchiamento pari al 26,7% nella ASL2, nonché una presenza del 50,7% ultraottantenni con conseguente, 40,6% completamente allettato (24ore al dì), ma nonostante ciò il nostro campione 93,2% preferisce le cure domiciliari anche se deve integrarle con assistenza a pagamento piuttosto che essere istituzionalizzato. La qualità della vita, è stato indagato con indicatori quali la presenza del dolore e la sua cura, la presenza di LDD, alle dimissioni oppure insorte dopo.
Conclusione:si è pensato di considerare i suggerimenti forniti dai nuclei familiari anche se erogati dal 48% degli intervistati: costituzione di un opuscolo informativo con fondi extrabudget, sveltire le pratiche burocratiche per la richiesta dei preside e ausili necessari, rispondere in minor tempo per l’avvio dell’ADI max 10 dì. La ricerca ha permesso al gruppo di lavoro di meditare delle proposte e di estendere quindi le cure domiciliari finanziaria permettendo sette giorni su sette e per 12 ore al dì e la notte coperta con l’istituto di pronta disponibilità medica, infermieristica, specialistica, promuovere un questionario rivolto al caregiver “Caregiver Burder Inventory”,inserire l’infermiere Case Manager, Costruire indicatori di processo e di esito per l’allocazione delle risorse, l’analisi dell’offerta dei servizi territoriali, per indagare l’attività svolta.

Mostra/Nascondi contenuto.
Pagina 1 di 98 Pagina 1 di 98 Introduzione L’uomo è un fine e non un mezzo I.Kant In molta letteratura sanitaria si legge dei diversi problemi comuni che attanagliano la sanità contemporanea nei paesi occidentali, quali l‟aumento della vita media e con essa l‟incremento delle polipatologie, la scarsità delle risorse e la conseguente ottimizzazione nel loro utilizzo, la necessità di erogare prestazioni qualitativamente rilevanti al fine di raggiungere gli obiettivi, evitando reclami e sprechi, e ottenendo la soddisfazione degli utenti. L‟indagine di questa trattazione ha come obiettivo quello di analizzare, nella realtà savonese, il modello dell‟assistenza domiciliare, il grado di soddisfazione degli utenti ed eventualmente i loro suggerimenti. Nella prima parte si considera il quadro concettuale di riferimento relativo alla continuità assistenziale intesa come un continuum ospedale e territorio/domicilio, nonché la normativa nazionale che tratta l‟assistenza domiciliare integrata (Lea, Piano sanitario nazionale). Successivamente si analizza la normativa regionale (l.r. 12/‟06 e delibera relativa all‟autosufficienza, nonché la norma specifica di riferimento) e le indicazioni della ASL2 savonese in merito alle cure domiciliari integrate con

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Annamaria Delpiano Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8460 click dal 17/01/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.