Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"Ce que le jour doit à la nuit" di Yasmina Khadra: analisi di una traduzione italiana

Analisi comparativa tra un'opera francofona e la sua traduzione italiana. La particolarità dell'opera francofona: una traduzione al quadrato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo scopo principale del seguente lavoro è l‟analisi comparativa-contrastiva del testo fonte francese e testo di destinazione italiano di Ce que le jour doit à la nuit, romanzo di grande successo dello scrittore Yasmina Khadra, pubblicato per la prima volta in Francia nel 2008 dalle edizioni Julliard. In Italia il romanzo è apparso nello stesso anno ed è stato edito da Mondadori con la traduzione a cura di Marco Bellini. Per affrontare adeguatamente questo argomento si è ritenuto opportuno dividere il lavoro in tre parti; la prima parte si incentra sul profilo biografico e letterario dello scrittore con lo scopo di conoscere il suo universo personale e capire come tutta la sua vita sia rifratta in una spirale di identità molteplici, dovuta alla sua metamorfosi continua e alla sua doppia dimensione culturale e linguistica. Il lavoro procede con uno studio approfondito del testo francese di Ce que le jour doit à la nuit, una storia d‟amore e di guerra ma innanzitutto un romanzo autobiografico in cui l‟autore e il protagonista si ritrovano a percorrere un tratto di strada insieme, quello della doppia appartenenza linguistica e culturale, come se il romanzo sia per Khadra l‟unica possibilità di indagine, di analisi, di racconto del proprio “io” che prende vita e si afferma perché fissato per sempre su carta. In questa parte sono stati dunque messi in luce gli aspetti salienti dell‟opera, sia sul piano del contenuto attraverso l‟analisi del titolo, delle tematiche, dei personaggi, dello spazio e del tempo, sia sul piano propriamente linguistico, prestando attenzione ad esempio alla sintassi, al registro e ai mezzi espressivi utilizzati, in particolar modo all‟uso della metafora, figura retorica ricorrente nell‟inimitabile stile di Khadra, vero e proprio “orafo” della scrittura. L‟ultima parte del lavoro è incentrata infine sull‟argomento topico della tesi: l‟analisi traduttiva, preceduta da una breve analisi delle questioni legate alle problematiche che emergono nelle traduzioni di testi letterari francofoni, così da avere tutti gli strumenti validi per operare un‟esauriente analisi. Avvalendosi dell‟approccio critico di autorevoli traduttori e teorici della traduzione, sia del passato che della contemporaneità, e in particolare dei procedimenti traduttivi esposti da Jean-Paul Vinay e Jean Dalbernet, si procederà alla studio delle concrete scelte traduttive, certamente soggettive perché proprie del traduttore, il quale è riuscito con efficacia a trovare sempre il giusto equilibrio tra il rispetto della forma e quello del contenuto. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Enrica Di Giuseppe Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1558 click dal 25/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.