Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti linguistici e storici del romanzo "Padri e Figli" di Ivan Turgenev

Analisi del romanzo russo Padri e Figli di Ivan Turgenev, nel quale per la prima volta si ritrova la parola Nichilismo dalla quale è scaturita una svolta di pensiero nella nuova generazione russa dell'Ottocento: contrapposizione fra i tradizionalisti, i Padri, della vecchia generazione e i nichilisti, i Figli, della nuova generazione. Studio del nichilsmo, analisi del romanzo e delle parole ed espressioni che segnano il distacco fra le due generazioni, attraverso il metodo Bachtin.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Giovane a uomo maturo: “In te c‟era soddisfazione, ma non forza”. Uomo 1 maturo a giovane: “E in te c‟è forza, ma non soddisfazione”. Così Ivan Turgenev, romanziere, poeta, drammaturgo e grande interprete del realismo russo ottocentesco, introduceva Padri e figli, centrando il tema del suo romanzo più celebre, il più interessante dal punto di vista politico, quello con cui tentò di dare corpo e sostanza alla sua immagine degli uomini “nuovi”, di cui diceva di avvertire dappertutto la presenza misteriosa, implacabile, e che gli ispiravano sentimenti che non riusciva del tutto ad analizzare. Ci troviamo nell‟epoca delle riforme di Alessandro II, tra le quali va anzitutto ricordata l‟emancipazione dei servi della gleba, uno degli avvenimenti più importanti della storia russa dell‟Ottocento. Turgenev fu un occidentalista moderato: ebbe una speciale vocazione europea, lo attirava l‟Occidente in tutte le sue forme, dal sistema politico parlamentare (liberalismo illuminato contro autocrazia e rivoluzionarismo) all‟atmosfera culturale e allo stile di vita che sentiva a lui più congeniale. Trascorse gran parte della sua vita all‟estero, arrivò a confessare che si sentiva più straniero in patria che in Europa ma era un rampollo dell‟alta aristocrazia, e come tanti altri aristocratici era ossessionato dall‟Occidente come negazione dei principi russi, come possibile causa della perdita del senso della nazionalità e della percezione di essere “stranieri in casa propria”. 1 E‟ l‟epigrafe originale di Padri e figli, che Turgenev in seguito soppresse, cit. da Berlin Isaiah, Padri e figli e il dilemma liberale, in Il riccio e la volpe e altri saggi, Adelphi, Milano, 1986, pag.440 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Antonello Prudenza Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1565 click dal 03/02/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.