Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Amministrazione Pubblica e Giovani Italiani: il caso concreto dell'associazione giovanile ''La Svolta'' di Mogliano Veneto.

Nonostante il Centro Polifunzionale "La Svolta" permanga tutt'ora chiuso e quasi abbandonato, ciò non significa che la sua valenza sia sfumata nel tempo. Quel luogo, anzi, assume, con tali presupposti, un valore simbolico assai elevato. Esso, difatti, è equiparabile ad una bandiera innalzata in cielo, significativa nel suo valore rappresentativo di un immensa potenzialità creativa e professionale giovanile che è stata occlusa dall'inettitudine burocratica e politica tipicamente nostrana dove regnano, anche a livello nazionale, gli scandali, il clientelismo, l'opportunismo e i giochi di potere. Non c'è, quindi, da stupirsi se i giovani sono scettici e sfiduciati nei confronti della politica come afferma, a settembre di quest'anno, l'ultima ricerca condotta sul tema da parte della Confcommercio.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La presente tesi di laurea descrive il processo partecipato che si è sviluppato, dal 1993 fino ad oggi, tra l'Amministrazione Pubblica del Comune di Mogliano Veneto e i giovani del territorio. Mogliano è il sesto comune per popolazione della provincia di Treviso e conta all'incirca 30.000 abitanti. La sua posizione geografica pone questa cittadina come crocevia tra due grandi realtà trainanti del territorio quali le città di Venezia e Treviso (13 km da Treviso, 7 km da Mestre-Marghera e 10 km da Venezia), importanti sia dal punto di vista turistico che da quello economico. In tale contesto i giovani del territorio, spesso, sono costretti ad emigrare nel tempo libero verso le realtà vicine e più grandi come Venezia- Mestre e Treviso in quanto l'offerta di eventi culturali è maggiore e le caratteristiche sono molto diversificate. Al fine di rendere i ragazzi moglianesi nuovamente partecipi alla vita locale il Comune crea, nel 1993, il Progetto Giovani, un ufficio dedito ad ascoltare le nuove generazioni e le loro necessità. In seguito sono affidate ai giovani le prime strutture (sala prove di Bonisiolo) e l'organizzazione dei primi eventi (mini-festival denominato "Ombre amplificate"). Nel 2001 il Comune di Mogliano istituisce l'Assessorato alle Politiche Giovanili e affida la gestione del Progetto Giovani ad una cooperativa sociale di nome Caracol. Grazie alla nuova gestione che porta maggiori professionalità e grazie agli aiuti economici derivanti dal nuovo Assessorato costruito ad hoc, il Progetto Giovani decide di avviare il concorso "Boomerang" che finanzia i ragazzi dai 18 ai 25 anni per la creazione di 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Dario Mosconi Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 276 click dal 18/01/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.