Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo delle concentrazioni fra imprese nel diritto dell'Unione Europea

L'evoluzione del controllo sulle concentrazioni fra imprese condotto dalla Commissione europea; il principio dello sportello unico e l'allocazione delle competenze tra livello comunitario e nazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I L’evoluzione della disciplina sulle concentrazioni anteriore al Regolamento 4064/89. 1.1 Il controllo delle concentrazioni nella politica antitrust comunitaria: cenni introduttivi. La facoltà di addivenire ad una concentrazione tra imprese rappresenta uno dei fenomeni più importanti attraverso cui è possibile “riscontrare la piena esplicazione dell‟autonomia dei privati” e della conseguente tensione tra tale autonomia, “economicamente” orientata, ed i limiti ad essa applicabili in virtù di quanto disposto dagli organi del potere pubblico, i quali sono giustificati da ragioni di ordine politico e 1 giuridico . Questa tensione non solo è fisiologica in un mercato economico degno di tale nome, bensì risulta quanto meno auspicabile in considerazione delle criticità, che si possono verificare al suo interno e che, se non altrimenti disciplinate, lascerebbero, alla discrezionalità privata ed a leggi di mercato confuse e poco stringenti, l‟intera organizzazione delle attività produttive. La constatazione di tali rapporti tra sfera economica e sfera politica è ben presente nell‟evoluzione del sistema comunitario della 2 concorrenza, che sin dal Trattato di Roma del 1957 , istitutivo della CEE e dell‟Euratom, ha posto grande attenzione sulla tutela di un mercato comune destinato ad essere sempre più sviluppato, complesso, e tendente all‟efficienza. I “tre pilastri” 3 dell‟Unione, creati dal Trattato sull‟Unione Europea (TUE) , concluso a Maastricht nel 1992, stabiliscono inoltre una divisione dell‟ordinamento europeo in tre distinti ambiti, quello delle Comunità Europee (CE), quello della Politica estera e di sicurezza comune (PESC), ed infine quello dedicato alla Cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale (GAI). 1 TUFARELLI F., “L‟autonomia delle imprese e l‟attività di controllo da parte dei pubblici poteri: evoluzione comunitaria e riflessi nazionali”, in Giur. merito 2009, 7-8, 2034. 2 Stipulato il 26 marzo 1957, ratificato con l. 14 ottobre 1957 n. 1203. 3 L‟idea dei tre pilastri è da attribuire alla proposta dell‟allora presidente di turno del Lussemburgo, Jacques Santer, in sede di stipulazione del medesimo Trattato di Maastricht, e risulta una soluzione di compromesso tra le differenti istanze portate avanti dagli Stati contraenti ai fini della riorganizzazione della politica comunitaria. 5

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Bonavita Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1190 click dal 03/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.