Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La strage di Bologna - 2 agosto 1980

Indagine sulla strage di Bologna del 2 agosto 1980 nel quale vengono considerate, nella prima parte, le contraddizioni giudiziarie che hanno portato all'accusa di tre esponenti di estrema destra e, nella seconda parte, una nuova pista di accusa che dimostrebbe come la strage sia stata opera di un'azione terroristica palestinese alla luce di quanto emerso dai documenti della Commissione parlamentare Mitrokhin.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Alle 10.25 di sabato 2 agosto 1980 il violentissimo scoppio di una bomba lasciata sopra un tavolino della sala d‟aspetto di 2^ classe della stazione Centrale di Bologna provoca il crollo delle strutture sovrastanti la sala d‟aspetto di 1^ e di 2^ classe e della pensilina per circa 30 metri di lunghezza. L‟esplosione coinvolge anche due vetture del treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario. Dato il grande affollamento dovuto al giorno prefestivo di agosto, il bilancio delle vittime è terrificante: 85 morti e più di 200 feriti. È la strage di Bologna, il più grave attentato terroristico mai registrato nella storia della Repubblica italiana. Nei giorni seguenti tutti i quotidiani nazionali iniziano già a parlare di pista nera e di attentato terroristico neofascista: «Torna il terrore nero, per i giudici 1 l‟unica pista valida è quella fascista» è l‟accusa che appare su “La Repubblica”, anche per il “Corriere della Sera” «È una bomba quasi certo 2 nera» così come per l‟”Avanti” la vicenda di Bologna è un‟azione descrivibile 3 come «orrore fascista», «Una strage spaventosa, quasi certo: un atroce 45 attentato fascista», «Sono stati i fascisti: la strage spaventosa di Bologna» sono i titoli delle prime pagine de “L‟Unità”. L‟opinione pubblica è ben orientata verso un‟unica direzione e, infatti, nel 1981, quattordici anni prima della condanna definitiva dei neofascisti Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e Luigi Ciavardini, viene posta dal Comune di Bologna una lapide commemorativa recante la scritta “Vittime del terrorismo fascista” riprendendo le stesse parole di accusa contro l‟estremismo di destra usate dal Presidente del Consiglio Francesco Cossiga durante la sua relazione al Senato del 5 agosto ‟80 rispondendo alle interrogazioni presentate da tutti i gruppi a riguardo 1 “La Repubblica”, 5 agosto 1980 2 “Corriere della Sera”, 4 agosto 1980 3 “Avanti”, 5 agosto 1980 4 “L‟Unità”, 4 agosto 1980 5 “L‟Unità”, 5 agosto 1980 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Dal Pont Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3998 click dal 31/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.