Skip to content

Nevrosi traumatica e psicodramma

Informazioni tesi

  Autore: Susanna Pappalardo
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia con indirizzo in Psicodramma Freudiano
Anno: 2009
Docente/Relatore: Nadia Razzanelli
Istituito da: Scuola di Specializzazione - Centro Paul Lemoine
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

L’interrogativo portante del presente lavoro è: in che modo la rappresentazione psicodrammatica può essere, se non proprio risolutiva, almeno mobilizzante per un caso di nevrosi traumatica?
A tal proporsito è utile riproporre come si è evoluto negli anni il processo diagnostico e come si sia passati dalla “Diagnosi fenomenologica o psichiatrica” alla “Diagnosi di Struttura”. E' lo stesso Freud in “Introduzione alla psicoanalisi” a definire la psichiatria come ciò che si interessa dei sintomi, senza coglierne un senso ma per fare una classificazione, ordinare delle sindromi, delle patologie, non s'interessa invece di tutti quegli elementi marginali che costituiscono invece l'impalcatura della psicoanalisi e cioè i lapsus, gli atti mancati, i sogni ecc., manca in pratica il soggetto nella sua dimensione di desiderio, in quanto desiderante, cioè il soggetto dell'inconscio. Freud invece propone la “clinica dell'ascolto”, nel sintomo tenta di trovare un senso, un senso che rimanda alla sessualità, cioè si preoccupa del desiderio che si cela dietro il sintomo. Non per questo diminuisce l'attenzione sul segno anzi si ripropone oltre che per il medico anche per il paziente, è segno per lui di qualcos'altro che fa problema. Il sintomo è analitico, infatti, è un messaggio per il soggetto, gli dice qualcosa, qualcosa di incomprensibile, di assurdo, ma comunque qualcosa.
Abbiamo detto quindi che la sessualità è sintomatica per il paziente nel senso che costituisce il campo dove il soggetto trova la sua collocazione ed eventualmente l'origine delle sue patologie, non tout-court in quanto la normalità per Freud è regolarmente patologica. “Per il fatto di parlare l'istinto dell'uomo è radicalmente sovvertito, non è più istinto. La normalità è il risultato della rimozione di certe pulsioni costituenti della disposizione infantile e della subordinazione delle restanti, al predominio delle zone genitali al servizio della funzione riproduttiva.
Le Nevrosi si possono far risalire ad una eccessiva rimozione delle tendenze libidiche, la patologia non è nella lotta che l'Io fa contro il moto pulsionale, ma è il fallimento della rimozione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA L’argomento prescelto per la presente tesi proviene da una mia esperienza di colloqui effettuati con una signora di 52 anni, gli incontri, numericamente sono stati circa venti e la motivazione che ha spinto la signora a contattarmi per i colloqui psicologici, è una serie di eventi luttuosi che a dire della signora avevano procurato un cambiamento sui suoi figli. Il caso in questione non è trattato con lo psicodramma e non ho potuto scegliere un caso di psicodramma perché nemmeno all’interno della struttura dove ho svolto il mio tirocinio, mi è stata data la possibilità di formare o di assistere a un gruppo di psicodramma. Quindi, in questo lavoro metterò a confronto il caso clinico da me seguito, con altri casi simili al mio però trattati con lo psicodramma e, trovati fra le riviste e i testi di psicodramma freudiano. Nella tesi, partendo da un excursus storico sulla diagnosi in psichiatria, si parla anche della diagnosi in psicoanalisi; una diagnosi che non parte dal fenomeno, come quella psichiatrica, ma dalla struttura che mette in relazione il soggetto, l’oggetto e l’Altro. Il lavoro è stato condotto partendo dai testi di S. Freud e J. Lacan. A seguito di tutta la parte teorica, è esposto il caso clinico da me seguito, e sono state messe in rilievo le frasi dei colloqui che secondo me sono più salienti. Come si può leggere, il caso, tratta di “nevrosi traumatica” come

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

articoli di freud
casi clinici in psicodramma
gennie e paul lemoine
jacques lacan
miller
nevrosi traumatica
psicodramma freudiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi