Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''In Treatment''. Analisi di una fiction sulla psicoterapia psicoanalitica.

In Treatment è una serie tv basata sulla “ricostruzione” delle sedute di psicoterapia analitica condotte dal Dott. Paul Weston. Si tratta di una fiction nata in America nel 2008 da una rivisitazione del format originale israeliano Be ‘Tipul, che propone una figura di psicoterapeuta assai diversa da quelle che finora si erano viste al cinema o in tv e difficilmente inseribile nelle tipologie finora note.
Nel presente lavoro, proprio attraverso l’analisi di questo format televisivo, mi propongo di approfondire il tema della psicoterapia psicoanalitica e dei suoi elementi caratterizzanti. In Treatment, infatti, mi ha fornito molti spunti e materiale “didattico” che è andato a integrare materiali più “classici” forniti dai libri di testo e dai manuali di studio, a volte di non immediata comprensione per uno studente che non ha mai avuto un contatto diretto con la psicologia e la pratica della psicoterapia. Attraverso In Treatment ho avuto la possibilità di assistere a molte dinamiche relazionali delle quali finora avevo solo letto e immaginato e ho potuto vedere in atto molti degli elementi e dei concetti che caratterizzano la psicoterapia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Quello tra cinema e psichiatria/psicologia è un dialogo di antica data. Nel corso della storia del cinema, numerosi sono stati i film che hanno dipinto, in maniera piø o meno realistica, le figure di psichiatri, psicologi, psicoanalisti, psicoterapeuti, contribuendo così alla divulgazione del lavoro dei professionisti della salute mentale. Il cinema, per le discipline “psi-”, ha giocato il ruolo di un’arma a doppio taglio, poichØ, mentre da una parte ha permesso anche a chi non ha avuto esperienze dirette con il mondo della salute mentale di prenderne conoscenza, dall’altra parte ha spesso contribuito alla sua stereotipizzazione. Come vedremo, molto spesso gli psicoterapeuti “al cinema” sono stati usati come delle “ficelle” 1 , utili, quindi, per lo sviluppo della trama ma scarsamente descritti dal punto di vista professionale o, addirittura, tipizzati in maniera erronea e lontana dalla realtà. In Treatment è una serie tv basata sulla “ricostruzione” delle sedute di psicoterapia analitica condotte dal Dott. Paul Weston. Si tratta di una fiction nata in America nel 2008 da una rivisitazione del format originale israeliano Be ‘Tipul, che propone una figura di psicoterapeuta assai diversa da quelle che finora si erano viste al cinema o in tv e difficilmente inseribile nelle tipologie finora note. Nel presente lavoro, proprio attraverso l’analisi di questo format televisivo, mi propongo di approfondire il tema della psicoterapia psicoanalitica e dei suoi elementi caratterizzanti. In Treatment, infatti, mi ha fornito molti spunti e materiale “didattico” che è andato a integrare materiali piø “classici” forniti dai libri di testo e dai manuali di studio, a volte di non immediata comprensione per uno studente che non ha mai avuto un contatto diretto con la psicologia e la pratica della psicoterapia. Attraverso In Treatment ho avuto la possibilità di assistere a molte dinamiche relazionali delle quali finora avevo solo letto e immaginato e ho potuto vedere in atto molti degli elementi e dei concetti che caratterizzano la psicoterapia. 1 Il termine “ficelle” indica letteralmente la fune con la quale vengono mossi i burattini; in questo contesto si vuole intendere che la figura dello psicoterapeuta nei film viene utilizzata per meglio definire i personaggi importanti, rimanendo essa però nello sfondo e poco caratterizzata.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Antonino Cascione Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3771 click dal 10/02/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.