Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fisiopatologia della Depressione Maggiore e Neurogenesi Ippocampale

La neurogenesi ippocampale come fisiopatologia della depressione maggiore costituisce l’oggetto della presente tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La neurogenesi ippocampale della depressione maggiore costituisce l‟oggetto del presente elaborato, con particolare attenzione alle possibilità di intervento farmacologico. In questa sede ci interesseremo e tratteremo solamente il Disturbo Depressivo Maggiore (DDM), tema centrale del lavoro. La depressione maggiore è il disturbo dell'umore più diffuso e colpisce più frequentemente il genere femminile con esordio medio tra i 20 e i 40 anni di età. La sindrome depressiva è contraddistinta da una serie di sintomi di tipo psichico, somatico e comportamentale. Di fatto i criteri diagnostici secondo il DSM-IV-TR (A.P.A., 1994) per poter effettuare una diagnosi di Depressione Maggiore sono molteplici. Innanzitutto, deve essere rilevata la presenza costante di 5 o più sintomi (obbligatorio uno dei primi due indicati) costantemente per almeno due settimane consecutive che rappresentano un evidente cambiamento rispetto al precedente funzionamento del soggetto: umore irritabile, perdita di interesse o piacere in gran parte delle attività, modificazioni significative dell'appetito (perdita/aumento di peso), modificazioni del sonno (insonnia/ipersonnia), astenia, mancanza di energie, sentimenti di inadeguatezza o di colpa, diminuita capacità di concentrazione, nel pensare e prendere decisioni, ideazione/atti suicidari. I sintomi non devono però soddisfare i criteri diagnostici dell'episodio misto ovvero una sindrome episodica caratterizzata dalla contemporanea presenza delle manifestazioni tipiche di una sindrome depressiva e di una sindrome maniacale (umore anormalmente e persistentemente elevato, espansivo o irritabile per almeno una settimana). Durante l'episodio misto si osservano passaggi rapidi da una piena sintomatologia depressiva ad una euforica (prevale l'euforia) o disforica (prevale l'irritabilità, rabbia e aggressività). Vi è anche la possibiltà che il paziente presenti contestualmente sintomi di polarità opposta (può presentare un umore depresso associato ad un'agitazione psicomotoria e accelerazione 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Rebecca Cataldo Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3673 click dal 02/02/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.