Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pubblicità occulta

Secondo la dottrina più autorevole la pubblicità è una forma di comunicazione d’impresa, rivolta al pubblico attraverso mezzi di comunicazione di massa, per sollecitare l’acquisto di un dato bene o servizio, e le cui peculiarità sono la velocità di diffusione e l’immediatezza di comunicazione con interlocutori eterogenei, dispersi geograficamente in territori distanti tra loro. E, pertanto, la funzione della comunicazione commerciale consiste nel mettere in contatto il pubblico dei consumatori e le imprese: in particolare la pubblicità da un lato mette “i consumatori a conoscenza delle varie possibilità di acquisto per soddisfare i differenti bisogni” e dall’altro è “strumento persuasivo, attraverso la spinta suggestiva esercitata sul pubblico dai mezzi di comunicazione di massa” .
È ora necessario individuare la disciplina nella quale gli elementi e le funzioni caratterizzanti il fenomeno della pubblicità commerciale acquistano un preciso rilievo giuridico.

Mostra/Nascondi contenuto.
- Premessa - 5 ANNO ACCADEMICO 1998/99 PREMESSA PUBBLICITÀ: DEFINIZIONE 1. La nozione legale di pubblicità Nel nostro ordinamento, solo con l’introduzione del d. lgs. 25 gennaio 1992 n. 74 in materia di pubblicità ingannevole è stata fornita una prima definizione organica di pubblicità. Prima della sua entrata in vigore, infatti, le leggi italiane si erano sempre limitate a riferirsi al fenomeno dando per scontato in che cosa di fatto consistesse ma senza precisarne mai la nozione. Tuttavia i molteplici significati attribuiti a questo termine ne rendevano auspicabile una precisa definizione legislativa. Infatti, ad un significato tecnico, che la migliore dottrina 1 ricollega solo alla comunicazione commerciale a pagamento divulgata attraverso i mass- 1 Cfr. FUSI–TESTA–COTTAFAVI, La pubblicità ingannevole, Milano, 1993, 89.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marina Pucciano Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20061 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.