Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Virtualità del reale e pensiero nomade in Gilles Deleuze

Attraverso il concetto di virtualità e inseguendo l'intrecciarsi delle suggestioni teoriche di filosofi (Deleuze, Heidegger, Bergson...), romanzieri-viaggiatori (Chatwin, Klossowski...) ed epistemologi (Withehead, Davidson...) si è cercato di portare a emergere un concetto di realtà più complesso di quello proprio del pensiero rappresentativo. La realtà diventa così il doppio teorico di nozioni quali nomadismo, immagine, rizoma, virtuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Virtualità del reale e pensiero nomade in Gilles Deleuze 3 Introduzione La presente ricerca intende sviluppare un’indagine che metta in luce nell’opera di Gilles Deleuze l’emergere di un pensiero della virtualità che avvia una forte problematizzazione del concetto di reale. Il percorso che si svilupperà sarà pertanto caratterizzato da una ricerca dei luoghi teorici in cui appaia una trattazione del concetto di virtualità in modo esplicito o anche latente, laddove si rilevi all’interno di un’altra tematica la presenza di un possibile sviluppo in direzione delle problematiche relative il virtuale. Si intende pertanto procedere all’organizzazione degli elementi che costituiscono il complesso universo teorico dell’autore francese mostrando come questi procedano a una progressiva dissoluzione del tradizionale concetto di realtà a favore di una visione più complessa, in cui questa non si mostra più come referente ultimo della conoscenza ma come frutto di una costruzione progressiva. Partiremo pertanto dall’esplicitazione di cosa Deleuze intenda con quel circuito che si instaura tra virtuale e attuale e che va a mettere in crisi la possibilità di individuare il reale mediante una semplice mossa di rispecchiamento. Gli sviluppi di tale figura teorica poi, risultano strettamente legati alla delineazione del pensiero deleuziano della differenza e alla presentazione di quell’universo ‘macchinico’ che Deleuze concepisce assieme a Felix Guattari nell’anti-Edipo. Risulterà essenziale mostrare l’intersezione tra questi diversi ambiti teorici poiché la contaminazione e la connessione di elementi eterogenei è

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Locati Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6073 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.