Skip to content

La pedagogia dell'arte contemporanea nelle scuole secondarie di primo e secondo grado: situazione, problemi, proposte

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Coeli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Comunicazione e Didattica dell'arte
  Corso: Comunicazione e Organizzazione per l'arte contemporanea
  Relatore: Paolo Mottana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

La mia tesi di laurea di biennio specialistico vuole esplorare e mettere in discussione l’insegnamento dell’arte contemporanea nelle scuole medie inferiori e superiori, e dimostrare come la mancata trattazione di tematiche contemporanee nella scuola porti a formare individui non in grado di apprezzare le mostre di oggi. E' stata analizzata e contrapposta la povertà delle attività rivolte alle scuole medie di ogni grado a partire dai metodi e dalla grande attenzione data all’arte contemporanea dalle scuole primarie e dai musei attraverso i laboratori didattici. Questo dimostra come il bambino venga educato all'arte contemporanea all'inizio del proprio percorso d'istruzione, per poi essere poco informato e stimolato sull'argomento da parte dei docenti, fino ad arrivare alla maturità, momento in cui lo studente dovrebbe essere capace di collegare e far interagire diversi tipi di discipline, senza sapere nulla o davvero poco dell'arte più vicina a noi. Questo individuo diventerà un adulto non in grado di visitare un museo d'arte contemporanea. Il mio compito è stato allora quello di operare ed intervenire a scuola sulle future generazioni per renderle più preparate e obiettive nel giudizio di queste forme d'espressione. Per questo motivo ho deciso di lavorare su tre fronti e tre capitoli diversi: innanzitutto sul sistema dell'arte e sul dibattito filosofico legato ad esso e alle forme d'arte contemporanea, presentando poi un'analisi critica di attività e materiali didattici, ed infine un progetto che mi permettesse di sovvertire la tradizionale lezione di arte svolta nelle classi con un intervento in grado di interessare i ragazzi e farli avvicinare al contemporaneo. Il progetto, punto d'arrivo e soluzione al problema trattato, conclusione della mia relazione, è stato realizzato presso la Scuola Media “E. Fermi” di Barzanò in provincia di Lecco.
Tutta la ricerca si è dimostrata come un'occasione unica per poter finalmente realizzare uno scritto su un tema per me molto importante. Questo lavoro che vorrei continuare, per realizzare libri diversi sul problema della mancanza di didattica dell'arte contemporanea nelle varie fasce d'età, ha voluto indagare su ambiti differenti: contesto filosofico e dibattito estetico, rapporto fra pubblico e sistema dell'arte e strumenti ed attività didattiche nelle scuole. Attraverso un percorso che ha riguardato Danto e le sue considerazioni sulla fine dell'arte, i musei e il rapporto con il pubblico, l'arte di Sistema e tutte le forme di Outsider Art, ho voluto fornire al lettore un panorama generale delle problematiche sull'arte contemporanea, confrontando il sistema filosofico convenzionale con un pensiero contrastante, che al contempo si propone di abbracciare l'arte contemporanea e la sua simbolicità: la filosofia immaginale.
Proprio dalla fusione fra immaginale e didattica museale è nata la metodologia da me ideata. Dopo aver analizzato infatti diversi tipi di approcci didattici italiani (Mart, Metodo Munari, Triennale Bovisa, Centro Pecci) e messo a confronto diversi libri di testo per le scuole medie, ho voluto realizzare un'attività pratica che avesse come base una delle migliori metodologie didattiche utilizzate, quella del centro Pecci, e il metodo immaginale, in grado meglio di altri metodi di far affiorare significati simbolici nascosti delle opere d'arte e approfondire la loro analisi.
La mia tesi vuole essere un testo che informi e arricchisca il bagaglio degli insegnanti come quello di qualsiasi operatore del Sistema dell'arte. Da una parte, infatti, è necessario che gli insegnanti di storia dell'arte siano a conoscenza del panorama dell'arte contemporanea e delle metodologie didattiche italiane, con le loro potenzialità e problematiche, e possano trovare in questo testo una possibile attività da svolgere in classe, che sia aderente agli intenti dell'artista e alla storia dell'arte stessa. D'altra parte invece è importante che chi opera all'interno del contesto artistico, in qualunque mansione, sappia che l'obiettivo fondamentale è sempre quello di cercare di fare capire l'arte contemporanea al maggior numero di persone, utilizzando termini semplici e chiari, avvalendosi perciò di una metodologia pulita e comunicativa. Così infatti, il pubblico potrà essere stimolato, incuriosito e reso più consapevole delle tematiche dell'arte contemporanea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. La ricerca che ho voluto iniziare con questa tesi riguarda un tema non indifferente. La trattazione dell'arte contemporanea nelle scuole medie inferiori e superiori è davvero carente, e poco è stato fatto di concreto per arricchire programmi e lezioni riguardanti questo tipo di arte. Ciò ha portato fra l'altro in passato persone come me, che hanno affrontato studi universitari improntati su questa disciplina, ad essere rimproverati all'i- nizio degli studi accademici per la mancanza di strumenti atti ad affrontare corsi sull'ar- te contemporanea. Ognuno di noi viene istruito, nel corso degli studi superiori, ad una storia dell'arte che per i licei classici ed i licei artistici arriva sino a Picasso (nel migliore dei casi i docenti si spingono fino ad Andy Warhol), mentre per i licei artistici tocca al più la caduta del muro di Berlino. A questo consegue un interesse, per alcuni, legato ad una predisposizione all'arte contemporanea grazie al bagaglio culturale e alle nozioni apprese nei corsi di studio, mentre per altri un rifiuto totale di un'arte lontana dalla pro- pria estetica. La scuola e l'istruzione italiana, di stampo storicista, ci spingono a cono- scere e valorizzare forme d'arte lontane dal nostro presente, insegnandoci a conside- rarle come le uniche forme d'arte accettabili. La mia tesi parte dal presupposto che, scuola a parte, la maggioranza delle persone giovani e adulte non tollerino l'arte con- temporanea, anche per un'effettiva mancanza di conoscenze sull'argomento. Mi è per- sonalmente capitato, in passato, di notare il disprezzo e la rabbia di familiari, amici e conoscenti, non in grado di capire le creazioni contemporanee e considerarle forme d'arte. Ho imparato da queste reazioni. La soluzione sta nello spiegare, a chi tanto si infervora davanti ai Concetti Spaziali di Lucio Fontana o i graffiti di Basquiat, il significa- to, così profondo, che quelle opere hanno avuto nel contesto in cui sono state ideate, così come l'importanza che queste possiedono nella contemporaneità. Da ciò emerge una mancanza effettiva di conoscenze, d'istruzione e di attività didattiche mirate a sod- disfare i dubbi sull'arte contemporanea. Gli adulti hanno bisogno di significati, di rispo- ste, che non risultano esaurienti nemmeno all'uscita dei musei più importanti. Natural- mente i giudizi poi rimangono, a discrezione di chi osserva l'opera d'arte. I bambini al contrario si divertono ad osservare e a giocare con forme che non devono avere un significato razionale preciso ed una conseguenza logica: anche per questo 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alfredo jaar
arte contemporanea
didattica del contemporaneo
esame di stato
filosofia dell'arte
insegnamento arte contemporanea
insegnante
laboratori
libri di testo
materiale multimediale
museo
museologia
problematiche insegnamento
scuola
scuola secondaria di primo grado
scuola secondaria di secondo grado
sezione didattica
sistema dell'arte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi