Skip to content

La correttezza delle determinazioni del P.m. in ordine all'esercizio dell'azione penale: il principio di obbligatorietà dell'azione penale.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Del Prete
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo De Lalla
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 239

Il lavoro che presento è frutto di una ricerca che ha avuto come obiettivo l’analisi di uno dei problemi più attuali e mai sopiti che investono il processo, ovvero il “corretto esercizio dell’azione penale” ad opera del soggetto cui compete lo svolgimento delle prime indagini in presenza di una qualsivoglia notitia criminis, il Pubblico ministero.
La prima parte del lavoro è essenzialmente storica.In particolare mi sono soffermata sulle ripercussioni che le scelte di politica criminale hanno avuto sulla figura cardine del processo penale ovvero il magistrato incaricato della funzione inquirente che rappresenta tutt’oggi il perno principale, l’ingranaggio fondamentale attorno al quale ruota l’intero funzionamento della macchina processuale.
Il cuore del lavoro è rappresentato dal fondamentale principio di obbligatorietà dell’azione penale con tutte le implicazioni che esso comporta, cristallizzato all’art. 112 della Costituzione e oggetto di svariate e spesso contrastanti interpretazioni della dottrina e della più autorevole giurisprudenza; precetto che rende il Pubblico ministero dominus dell’intera fase investigativa e titolare indiscusso dell’importante potere propulsivo dell’azione penale. Ho tentato, grazie agli insegnamenti dei miei maestri e ad un lavoro di ricerca delle fonti più accreditate che si sono pronunciate sull’argomento, di rielaborare quella che è la corretta esegesi della norma, confrontando e fondendo i relativi risultati con le pronunce del nostro Giudice delle Leggi; è stata infatti proprio la Corte Costituzionale a chiarire l’esatta portata dell’ “obbligatorietà” formulando l’altrettanto indispensabile principio di “non superfluità del processo”.Mi sono concentrata sul concetto di “completezza” delle indagini, sulle modalità d’azione del magistrato inquirente, sui suoi doveri e sui suoi oneri ai fini del corretto esercizio dell’azione penale, anche alla luce delle novità introdotte dalla Legge Carotti nel 1999. Ho ripercorso le tappe dell’intera strada che il Pm è tenuto a compiere partendo dalle prime battute del procedimento fino a quando gli si presenta da risolvere l’alternativa azione-inazione, soffermandomi in particolare sul dovere di “obiettività” e sull’onere di risultato che la legge gli impone.
Nel terzo capitolo ho voluto passare in rassegna i principali attori del palcoscenico investigativo, ovvero i soggetti attivi della fase antecedente al processo approfondendo il ruolo della “pubblica accusa” nel rinnovato modello processuale, ripercorrendo le tappe che hanno scandito l’evolversi di questa importante figura e non tralasciando né il ruolo della polizia giudiziaria, valido supporto investigativo al servizio del magistrato inquirente, né l’importanza assunta dal difensore che, grazie alla possibilità riconosciutagli di compiere, per suo conto, investigazioni difensive, contribuisce non poco ad arricchire e completare la ricerca del Pm.
Infine ho ritenuto doveroso analizzare le forme di controllo previste dal legislatore per monitorare e vigilare sulla “correttezza delle determinazioni del Pm in ordine all’esercizio dell’azione penale”. Ho strutturato l’ultima parte dell’elaborato distinguendo le forme di controllo preventivo, cioè quelle che vengono attuate prima che l’azione penale venga esercitata, da quelle successive, ovvero quelle predisposte nell’ambito dell’udienza preliminare, quindi a “processo iniziato”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Ciò che mi ha spinta a cimentarmi nell’elaborato che rappresenta la conclusione del mio percorso di studi è la bellissima e formativa esperienza universitaria che ho vissuto durante la frequenza del corso di procedura penale, insieme alla cattedra del prof. Paolo De Lalla. Ritengo di essere stata fortunata ad aver incontrato, nel mio cammino accademico, persone che, oltre a possedere una profonda passione per ciò che fanno, riescono a trasmettere a studenti alle prime armi tutto l’amore e l’interesse verso una materia complessa come il diritto processuale penale; ma ciò che meraviglia di più è la naturalezza e la semplicità con cui riescono in questo loro intento. Ebbene, le lezioni che ho seguito hanno avuto l’effetto di incuriosirmi, di spingermi al ragionamento, di incrementare sempre più la voglia di approfondire alcuni argomenti trattati durante le attività didattiche. Il lavoro che presento è frutto di una ricerca che ha avuto come obiettivo l’analisi di uno dei problemi più attuali e mai sopiti che investono il processo, ovvero il “corretto esercizio dell’azione penale” ad opera del soggetto cui compete lo svolgimento delle I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archiviazione
art. 415bis cpp
art. 421bis cpp
art.112 cost
art.422 cpp
astrattezza e concretezza dell'azione penale
avocazione delle indagini
avviso di conclusione delle indagini preliminari
codice del 1988
codice rocco
completezza delle indagini preliminari
esercizio dell'azione penale
giusto processo
indagini del difensore
indagini preliminari
inquisizione
legge carotti
modelli processuali
obbligatorietà dell'azione penale
polizia giudiziaria
poteri del gup
profili comparatistici
pubblico ministero
udienza preliminare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi