Skip to content

Comunità anglofone in Toscana: una indagine diretta.

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Cini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Gisella Cortesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

La prima parte è un tentativo di presentare in maniera sintetica il fenomeno della mobilità territoriale in generale, nonché la sua evoluzione fino ai giorni nostri. Ho anche cercato di mostrare il relativamente recente fenomeno immigratorio in Italia, introducendo un breve “cappello storiografico” e utilizzando tabelle e grafici.
Nella seconda parte ho tentato di evidenziare la qualità e la quantità di un particolare tipo d’immigrazione (quello anglofono), in una specifica regione: la Toscana. Consultando materiale nel British Institute di Firenze, nei dipartimenti di geografia e statistica di Pisa, sulla rete informatica e infine documentandomi di persona sul territorio, ho riportato avvenimenti e dati passati e odierni dell’intera regione tirrenica, scendendo poi a dare uno sguardo alle province più significative. In questa sezione ho sentito l’esigenza di apporre immagini, citazioni e brani poetici che reputo curiosi e pertinenti ai fini della ricerca.
Nella terza parte ho illustrato le metodologie di ricerca e gli strumenti di rilevamento, raccontando anche le problematiche e le facilitazioni che mi si sono presentate via via sul campo. Riporto poi a consuntivo i risultati della mia indagine, a seguito dei questionari rilasciati e delle interviste effettuate, senza omettere l’elenco delle domande del questionario in lingua originale.
Nella quarta ed ultima sezione, ho individuato un caso di studio isolato all’interno di una provincia (quella pisana). Ho guardato più da vicino il comune di Palaia e frazioni poiché, a mio parere, raccoglie in scala ridotta tutte – o quasi – le casistiche delle comunità anglofone immigrate in Toscana. Analizzando la variegata comunità di Palaia, emerge poi chiaramente un’altra famosa questione: quella dello stereotipo del “bel paese” all’estero.
Infine ho riservato l’ultimo capitolo per fare un confronto con una ricerca effettuata dai geografi King e Patterson che, sebbene trattino solo la categoria dei pensionati inglesi all’estero, ha rivelato molti tratti comuni con i risultati della mia tesi – piccola nota di vanto per il mio neofita ego di ricercatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il presente studio vuol essere un’analisi sull’insediamento degli immigrati dai paesi a sviluppo avanzato in Italia e, più precisamente, nella regione Toscana. Prenderò in considerazione soltanto quella fascia d’immigrati d’origine anglofona, vale a dire Britannici, Irlandesi, Statunitensi, Canadesi, Australiani e Neo Zelandesi. Partendo da dati generali inerenti lo stato italiano, cambierò di scala scendendo a livello regionale e in seguito a livello provinciale e comunale per analizzare specifiche comunità e agglomerati di madre lingua inglese stabilitesi nel nostro territorio. Tutti i dati statistici forniti sono ufficiali, pubblicati dagli istituti CARITAS, ISTAT, EUROSTAT, SOPEMI, DEMOSTAT e relativi agli stranieri registrati all’anagrafe (i residenti), aggiornati al 1° gennaio 2004 1 . Il mio intento è quello di presentare una tesi geografico-antropologica inerente questo specifico gruppo umano, immigrato in questa specifica porzione di territorio italiano, che rappresenta anche la regione in cui ho vissuto e vivo tuttora. Ho tentato quindi di tracciare un profilo paesaggistico, storico, statistico e biografico di questo argomento. Ho suddiviso il presente lavoro in quattro parti principali, ciascuna composta di tre capitoli, in modo da renderla il più simmetrica, snella e scorrevole 1 Sarebbe buona valutazione aumentare i dati ufficiali del 19% circa, per includere gli stranieri regolari non residenti e, secondo certi organi statistici, anche i tipici e non trascurabili fenomeni di clandestinità – per altro assai controversi, dato che esistono grandi divergenze nei criteri di calcolo (basta chiedersi semplicemente come sia possibile contare chi non si può vedere).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

americani toscana
anglofoni
camp darby
comunità
comunità inglesi
emigrazione
emigrazioni toscana
fenomeno migratorio
immigrazione
immigrazione italia
inglesi in toscana
province toscane
ricchi toscana
stereotipo toscana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi