Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sulla valutazione del brand - Approccio metodologico

La tesi sottolinea la rilevanza del valore del brand per le imprese operanti nel settore del lusso. In questo lavoro si evidenzia come attraverso un unico modello sia possibile coniugare le due prospettive sul valore del brand, ossia quella dei clienti con quella degli azionisti, riuscendo a capire come partendo da un investo in piano di marketing si sviluppi una catena che porta ad ottenere una performance sul mercato azionario.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Le motivazioni personali alla base della scelta del mondo del lusso, quale ambito all’interno del quale sviluppare questa dissertazione, sono state sicuramente una forte dose di passione e di interesse per il settore e le sue particolarità. L’interrogativo che però ha portato alla stesura del presente elaborato è stato chiedersi come, le aziende operanti nel settore del lusso, potessero conciliare la loro natura di imprese, con un universo più effimero ed intangibile, rappresentato dal brand dal quale paradossalmente, dipende la loro stessa sopravvivenza. Oggi infatti, grazie al sempre più frequente ricorso al fenomeno della brand extension, le imprese in questione fondano la loro esistenza sul brand e non sui prodotti ad esso associati. Al livello teorico, sarebbe possibile infatti immaginare una situazione in cui, ad esempio, Bulgari cessasse di produrre orologi o profumi e cosmetici (pari 1 rispettivamente al 23% e al 24% del fatturato 2009) , continuando comunque ad essere presente nel mercato del lusso, potendo infatti sfruttare il medesimo brand in una molteplice varietà di prodotti alternativi come, ipoteticamente le collezioni moda. L’individuazione del ruolo del brand come cuore dell’impresa, seppur ineluttabile, ha portato poi alla formulazione di una serie di domande: come può un’impresa ottenere dei riscontri quantitativi, relativamente alla gestione di un complesso così effimero di valori al quale, paradossalmente, è legata la sua, assai più concreta, stessa sopravvivenza? Ossia, come può un’impresa che investe risorse nel proprio brand comprendere se, in realtà, sta creando o distruggendo tale valore? Come, all’interno 1 Relazione degli Amministratori sull'andamento della gestione del Gruppo al 31 dicembre 2009, p. 36. www.bulgari.com 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Della Sala Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3126 click dal 25/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.