Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Paraguay, nazione bilingue? ''Hablar mezclado'' in una terza lingua: el jopara

Questo lavoro prende le mosse dal mio interesse per il mondo ispanico e ispanofono con particolare attenzione alla Spagna e soprattutto all'America Latina dato anche dall'indirizzo del mio corso di studi in Lingue e Culture Europee ed Extraeuropee. Nello specifico della mia analisi il mio interesse è stato rivolto al peculiare fenomeno del bilinguismo in Paraguay, in quanto caso unico di Paese ufficialmente bilingue nell'America Latina. Ciò che mi ha spinto a intraprendere quest'analisi è stata la curiosità di capire come viene vissuta la duplice competenza linguistica che vede il predominio dello spagnolo sul guaraní, ma allo stesso tempo un grande e importante ruolo del guaraní nella vita sociale, culturale e scolastica dei suoi parlanti. Inoltre è interessante capire come una lingua nativa americana (amerindia) sia riuscita a resistere nel corso dei secoli. L'altra peculiarità della mia analisi riguarda lo sviluppo di una variante linguistica mista guaraní - castigliano, il cosiddetto jopara o yopará che interessa particolarmente il mondo contemporaneo. Basato sulla bibliografia già esistente riguardo al tema che tratterò, è stato di gran utile sostegno e aiuto il supporto della rete (web) data la natura giovane del tema, grazie alla quale ho trovato preziosi articoli, saggi, lavori, progetti e per mezzo della quale sono riuscita a mettermi in contatto con parlanti bilingui guaraní - castigliano. Mi sono recata a Madrid presso la BNE (Biblioteca Nacional de España) per una breve ricerca bibliografica e ho consultato testi di grande importanza sull'argomento. Nel primo capitolo verranno esposti in termini generali le generalità del Paraguay e una breve storia/descrizione della popolazione Guaraní di lingua Tupi che si stabilirono nel territorio attuale del Paraguay alla fine del Quattrocento e del primi del Cinquecento. La storia di contatto tra i colonizzatori e i guaranì è caratterizzata da una forte presenza missionera cristiana, i Gesuiti della Compagnia di Gesù che facilitarono la sopravvivenza della lingua guaraní. Dall’incontro tra colonizzatori e indigeni nacquero i ‘meticci’ che diedero vita all’attuale fenomeno caratteristico del Paraguay: “hablar mezclado”. In epoca indipendente ci saranno una serie di riforme linguistiche che alterneranno l’istruzione sia in guaraní che in spagnolo. Nel XX secolo si introdusse nel sistema scolastico, con alti e bassi, l’insegnamento e lo studio del guaraní a diversi livelli e gradi d’istruzione, ma come lingua ufficiale venne mantenuto lo spagnolo fino a quando la Costituzione Nazionale del 1992 dichiarò le due lingue nazionali, lo spagnolo e il guaraní, entrambe lingue ufficiali del Paraguay. Nel secondo capitolo ci addentreremo nello specifico sviluppo della lingua guaraní, in particolare il guaraní paraguaiano, che preserva le caratteristiche della lingua amerindia attraverso i secoli e la sua variante jopara, la cui struttura linguistica è ancorata al guaraní, interferita dal vocabolario spagnolo, mentre lo spagnolo paraguaiano mantiene più o meno le caratteristiche generali dello spagnolo d’America, ma caratterizzato fortemente da influenze guaraní. Nel terzo e conclusivo capitolo ci troveremo nel cuore dell'argomento in cui verranno analizzati esempi di strutture grammaticali di enunciati guaraní e guaraní - jopara per meglio capire se ci troviamo davanti a un fenomeno di mixed code, code-switching o convergenza linguistica in quanto questa ‘miscela’, a causa della situazione di contatto, non è facile definire dal momento che si manifesta concretamente negli atti linguistici, come un continuum di forme altamente variabili ed eterogenee. In conclusione, secondo quanto anazlizzato, si può definire questa “tercera lengua” una lingua mista caratterizzata da code-switching e convergenza linguistica di entrambe le lingue che si influenzano reciprocamente.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Questo lavoro prende le mosse dal mio interesse per il mondo ispanico e ispanofono con particolare attenzione alla Spagna e soprattutto all'America Latina dato anche dall'indirizzo del mio corso di studi in Lingue e Culture Europee ed Extraeuropee. Nello specifico della mia analisi il mio interesse è stato rivolto al peculiare fenomeno del bilinguismo in Paraguay, in quanto caso unico di Paese ufficialmente bilingue nell'America Latina. Ciò che mi ha spinto a intraprendere quest'analisi è stata la curiosità di capire come viene vissuta la duplice competenza linguistica che vede il predominio dello spagnolo sul guaraní, ma allo stesso tempo un grande e importante ruolo del guaraní nella vita sociale, culturale e scolastica dei suoi parlanti. Inoltre è interessante capire come una lingua nativa americana (amerindia) sia riuscita a resistere nel corso dei secoli. L'altra peculiarità della mia analisi riguarda lo sviluppo di una variante linguistica mista guaraní - castigliano, il cosiddetto jopara o yopará che interessa particolarmente il mondo contemporaneo. Basato sulla bibliografia già esistente riguardo al tema che tratterò, è stato di gran utile sostegno e aiuto il supporto della rete (web) data la natura giovane del tema, grazie alla quale ho trovato preziosi articoli, saggi, lavori, progetti e per mezzo della quale sono riuscita a mettermi in contatto con parlanti bilingui guaraní - castigliano. Mi sono recata a Madrid presso la BNE (Biblioteca Nacional de España) per una breve ricerca bibliografica e ho consultato testi di grande importanza sull'argomento. Nel primo capitolo verranno esposti in termini generali le generalità del Paraguay e una breve storia/descrizione della popolazione Guaraní di lingua Tupi che si stabilirono nel territorio attuale del Paraguay alla fine del Quattrocento e del primi del Cinquecento. La storia di contatto tra i colonizzatori e i guaranì è caratterizzata da una forte presenza missionera cristiana, i Gesuiti della Compagnia di Gesù che facilitarono la sopravvivenza della lingua guaraní. D a l l ‘ i n c o n t r o t r a c o l o n i z z a t o r i e i n d i g e n i n a c q u e r o i ‗ m e t i c c i ‘ c h e d i e d e r o v i t a a l l ‘ a t t u a l e f e n o m e n o c a r a t t e r i s t i c o d e l P a r a g u a y: “hablar mezclado”. In epoca indipendente ci saranno una serie di riforme linguistiche che alterneranno l ‘ i s t r u z i o n e s i a i n g u a r a n í c h e i n s p a g n o l o . N e l X X s e c o l o s i i n t r o d u s s e n e l s i s t e m a s c o l a s t i c o , c o n a l t i e b a s s i , l ‘ i n s e g n a m e n t o e l o s t u d i o d e l g u a r a n í a d i v e r s i l i v e l l i e g r a d i d ‘ i s t r u z i o n e , m a c o m e l i n gua ufficiale venne mantenuto lo spagnolo fino a quando la Costituzione Nazionale del 1992 dichiarò le due lingue nazionali, lo spagnolo e il guaraní, entrambe lingue ufficiali del Paraguay. Nel secondo capitolo ci addentreremo nello specifico sviluppo della lingua guaraní, in

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Laura Di Lascio Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1681 click dal 09/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.