Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato delle case d'asta italiane: problemi creati da un regime giuridico di circolazione controllata

La presente tesi analizza l'impatto di un regime giuridico restrittivo di tutela dei beni culturali sulla circolazione e la vendita trasnazionale di tali beni. Si fornisce un'analisi delle principali fonti normative attinenti la circolazione internazionale, comunitaria e nazionale dei beni culturali. Si passa poi ad esaminare la normativa specifica del settore della vendita all'asta e le particolarità dal punto di vista economico di questo ambito del mercato artistico. Questo studio intende evidenziare le problematiche derivanti dall'applicazione di un regime restrittivo di tutela del patrimonio artistico ad un settore del mercato dell'arte come quello delle case d'asta.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE SOMMARIO: 1. Oggetto del lavoro; 2. Piano del lavoro. 1. Oggetto del lavoro La vendita di opere d'arte costituisce oggi il cardine attorno al quale ruota il mercato dell'arte. Fiere e aste specifiche in Italia e all'estero sono ormai diventate appuntamenti fissi per i soggetti interessati a vario titolo alla vendita e all'acquisto. Per le opere di più alto livello negli ultimi decenni il mercato si è mondializzato sotto la spinta della globalizzazione degli scambi di beni e di servizi e dello sviluppo di flussi finanziari in grado di effettuare importanti investimenti anche nel campo dell'arte. I valori economici sono spesso elevatissimi, come testimoniato dalle quotazioni che spesso vengono raggiunte in occasione di importanti aste. L'interesse economico e la rivalutazione dell'opera d'arte è anche alla base di alcune recenti iniziative a cura di istituti bancari e finanziari volte a sperimentare nuove forme di investimento aventi ad oggetto opere d'arte quali i fondi di investimento in arte. L'eccezionalità della vendita di opere d'arte risiede innanzitutto nella natura particolare dei beni che ne costituiscono l'oggetto. Le norme nazionali di riferimento devono essere coordinate con quelle fissate dalle principali convenzioni internazionali elaborate in un primo momento per affrontare situazioni di pericolo per l'integrità del patrimonio culturale nazionale in tempo di guerra e in seguito, sviluppate anche in tempo di pace in funzione di esigenze di maggiore conservazione e tutela. Quasi tutti gli ordinamenti giuridici hanno avvertito l'esigenza di identificare categorie di beni che, in considerazione del 9

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Serena Marchi Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1356 click dal 07/02/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.