Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomeni di soddisfazione e lealtà del consumatore/tifoso sportivo

Lo sport è da sempre un’attività umana tipica del tempo libero e quindi, anche del divertimento, oggi non è più solo questo. Infatti, le tendenze evolutive socio-economiche in atto negli ultimi venti anni lo hanno reso anche e soprattutto un business. Nell’era contemporanea una risorsa sempre più scarsa e perciò costosa e difficile da reperire è il cliente. Per questo motivo si sta lentamente e faticosamente modificando la filosofia gestionale delle aziende moderne, le quali cercano di orientare la propria attenzione verso le esigenze di ogni singolo cliente al fine di raggiungere l’obiettivo ultimo della lealtà e della fedeltà del maggior numero possibile di clienti. Partendo dalla concezione dello sport come servizio, attività rientrante a pieno titolo nella cosiddetta economia del terziario e rifacendosi a Richard Normann, il quale pone il rapporto cliente/impresa al centro di ogni strategia e politica aziendale che si rispetti, l’intento è quello di focalizzare l’attenzione sul legame tifoso/squadra del cuore nelle sue caratteristiche essenziali. Si analizzeranno, inoltre, le dimensioni di un servizio, che sono generatrici di qualità agli occhi del tifoso.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Lo sport è da sempre un’attività umana tipica del tempo libero e quindi, anche del divertimento, oggi non è più solo questo. Infatti, le tendenze evolutive socio- economiche in atto negli ultimi venti anni lo hanno reso anche e soprattutto un business. Lo sport come servizio, può quindi essere guardato dal punto di vista di un’economia in crescita, appunto quella dello sport business, che intrattiene rapporti molto stretti con altre economie sia industriali che di servizi. È riscontrabile nella realtà quotidiana, la crescita esponenziale verificata nell'ultimo decennio da tale economia. Cambiamenti epocali, paragonabili a vere e proprie rivoluzioni, si sono registrati anche nelle modalità di gestione delle società sportive, passate in pochi anni da essere società senza fini di lucro, a società quotate in borsa. L’attività sportiva oggi, sia quella praticata dal singolo individuo, sia quella delle organizzazioni, è sottoposta alla pressione di un ambiente economico assai vivace. Certamente anche il settore sportivo non è immune da virus e non sta attraversando un periodo di opulenza. Tracce della crisi economica ed un generale degrado valoriale, sono purtroppo riscontrabili anche in esso come in ogni altro settore della società. Tuttavia, rispetto a mercati duramente colpiti ed ormai in una fase di recessione acuta sia economica che culturale, nel settore sportivo, continuano ad emergere nuove forze competitive e ad affermarsi nuovi business come produttori di articoli e attrezzature sportive, gestori di comunicazioni delle società, network televisivi a tema, società di organizzazione di eventi. Entità che fondano il proprio core business sui bisogni degli atleti e delle organizzazioni sportive. Nell’era contemporanea una risorsa sempre più scarsa e perciò costosa e difficile da reperire è il cliente. Per questo motivo si sta lentamente e faticosamente modificando la filosofia gestionale delle aziende moderne, le quali cercano di orientare la propria attenzione verso le esigenze di ogni singolo cliente al fine di raggiungere l’obiettivo ultimo della lealtà e della fedeltà del maggior numero possibile di clienti. Oliver (1999) definisce la customer loyalty come la condizione di forte coinvolgimento al riacquisto, o al riutilizzo, di un prodotto o di una marca, tale da far

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Dario Anselmo Catalano Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1831 click dal 10/02/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.