Skip to content

La Romania di Ceausescu. Un esempio di regime sultanistico?

Informazioni tesi

  Autore: Nunzio Vitellaro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Pietro Grilli di Cortona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 226

La Romania di Ceausescu: un esempio di regime sultanistico?
Il seguente studio vuole analizzare da un punto di vista politologico il regime romeno di Ceausescu con il fine di meglio definirlo, oltre le classiche definizioni di “comunista” e “totalitario”. Che tipo di stato è quello in cui un solo individuo ha il diritto – dovere di prendere tutte le decisioni, anche in campi in cui non ha la minima competenza? Che tipo di regime è quello in cui la famiglia del governante può trattare la proprietà pubblica come fosse propria?
Il primo capitolo è un’analisi e spiegazione del tipo di regime politico sultanistico. Il primo a parlare di sultanismo fu il grande sociologo tedesco Max Weber che nell’opera Economia e Società del 1922, analizza i “tipi di potere”, tra cui, appunto, il potere sultanistico, concetto ripreso da diversi studiosi contemporanei, tra cui, in maniera particolarmente valida, dai due politologi Linz e Stepan.
Il secondo capitolo traccia le fasi attraverso le quali il regime del cosiddetto Conducator è diventato sultanista, abbandonando la leadership collettiva: in particolare la rotazione dei quadri del Partito Comunista, sistema che stroncava sul nascere qualsiasi tentativo di opposizione interna allo strapotere della famiglia Ceausescu, la politica estera alternativa a quella del Patto di Varsavia, che garantiva al regime la protezione internazionale dell’Occidente, e il comunismo nazionale, che dava grande supporto popolare.
Il terzo capitolo spiega le caratteristiche del regime nella sua fase sultanistica. Lo stile personale e le politiche di Ceausescu resero evidente che egli era completamente libero da legami di natura legal – razionale, come la leadership collettiva o gli statuti del partito, esercitando il potere in modo altamente personalistico ed arbitrario. Egli era in grado di imporre il suo volere in ogni ambito della vita pubblica romena, dai criteri per misurare le performance economiche, ai meccanismi di reclutamento del personale, dal modo in cui i dirigenti comunisti dovevano essere spostati cambiando carica continuamente, al modo in cui il centro di Bucarest doveva essere organizzato architettonicamente. Il Segretario Generale decideva l’agenda politica e la cambiava a suo piacimento in qualunque momento. Questa posizione di potere assoluto non era paragonabile a quella di nessun leader comunista dalla morte di Stalin in poi. Il potere personale del sultano, però, aumentava di pari passo al malcontento popolare che porterà alla rivolta nel dicembre del 1989. 376
Nel quarto capitolo vengono analizzati gli eventi che porteranno alla caduta del regime comunista e alla morte del governante. Non si tratta però, in questo caso specifico, di un semplice racconto storico; l’evolversi degli eventi del dicembre 1989 in Romania evidenzia l’ambiguità di quella presunta “rivoluzione popolare” e mette in luce la più probabile teoria del golpe interno al regime.
Il quinto capitolo, infine, è un’analisi comparata tra la Romania di Ceausescu e gli altri principali regimi sultanistici contemporanei (Haiti dei Duvalier, la Repubblica Dominicana di Trujillo, la Repubblica Centrafricana di Bokassa, le Filippine di Marcos, l’Iran dello Scià e la Corea del Nord di Kim Il Sung) che ci aiuta a capire come e quanto il regime di Ceausescu si sia discostato da un tipo sultanistico “puro”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Capitolo 1: Il sultanismo. Lo Stato è solo il capriccio di un singolo individuo. Karl Marx Prima di entrare nel merito del regime romeno di Nicolae Ceausescu, cercheremo di definire per il meglio il concetto di sultanismo, analizzando gli studi di coloro che hanno preso in considerazione questo tipo di regime. Il sultanismo è un modello politico autoritario descritto per la prima volta dal sociologo tedesco Max Weber nel 1922 nell’opera Economia e Società. La definizione di sultanismo in Max Weber è contenuta nell’analisi dei tipi di potere, in quanto esso è un particolare tipo di potere “tradizionale” (Weber 1995a). Quest’ultimo è uno dei tre poteri legittimi, cioè quelli che si distinguono da atti puramente arbitrari volti ad ottenere obbedienza con il solo utilizzo della forza. Il potere illegittimo è un dominio basato, quindi, sulla sola forza fisica che non può, di conseguenza, che essere eccezionale e, se si protrae nel tempo, cercherà comunque di darsi una legittimazione; gli altri due tipi di potere legittimo sono il potere carismatico e quello razionale (Weber 1995a). Un potere deve essere definito tradizionale quando la sua legittimità si fonda, e viene accettata, sulla base di antichi (esistenti da sempre) ordinamenti e poteri di signoria. Il detentore del potere (o i vari detentori del potere) è determinato in base a regole tradizionali; ad esso si obbedisce in virtù della dignità personale attribuita dalla tradizione. Il gruppo di potere, nel caso più semplice, è in primo luogo un gruppo sociale poggiante sulla totale devozione dei dominati, e determinato dalla comunanza di educazione. Colui che detiene il potere non è un superiore, ma un signore personale; il suo apparato amministrativo, in un primo tempo, non è costituito da funzionari ma da servitori personali; i dominati non sono membri del gruppo, ma sono o consociati tradizionali oppure sudditi. Le relazioni tra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1989
blocco sovietico
bucarest
ceausescu
comunismo
ideologia
iliescu
leadership
linz
marxismo
mobilitazione
nazionalismo
pluralismo
rivoluzione
romania
stepan
sultanismo
sultano
timisoara
totalitarismo
weber

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi