Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accertamento sintetico

Accertamento sintetico e Redditometro. Approfondimento dei commi 4 e seguenti dell'art. 38 del D.P.R. n.600 del 1973 prima e dopo le modifiche apportate dal D.L. n 78 del 2010.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Con la Manovra 2010, al fine di contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, vengono rivisitate le procedure previste per il cd. Accertamento sintetico e per il redditometro. La nuova versione dell’art. 38, commi da 4 ad 8, del D.P.R. n. 600/1973, introdotta con l’art. 22 del D.L. 31/05/2010, n. 78 troverà applicazione solo a decorrere dal periodo d’imposta 2009, con il non trascurabile corollario per il quale in relazione ai precedenti periodi d’imposta ancora accertabili, essenzialmente dal 2005 al 2008, rimangono ferme le regole previgenti alle modifiche in esame. L’art. 22 appena citato prevede, infatti, che la modifica introdotta con la Manovra 2010 esplica effetti per gli accertamenti per i quali il termine di dichiarazione non è ancora scaduto alla data di entrata in vigore del D.L. n. 78/2010 (in base all’art. 56, il giorno stesso della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, e dunque il 31/05/2010) e per lo scostamento soglia che apre le porte all’accertamento sintetico, il quale è stato ridotto dal 25% al 20%. Con decreto attuativo sarà poi rielaborata la lista degli indicatori da prendere in considerazione per il calcolo del reddito accertabile.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Alessandra Castaldo Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2982 click dal 15/02/2011.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.