Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto del taurodeossicolato su colon umano stimolato

I miei studi sono stati centrati sullo studio degli effetti del sale biliare taurodeossicolato, utilizzato a una concentrazione superiore di quella critica micellare, su colon umano sottoposto a stimolazione neurocrina via calcio e cAMP mediata.
A tale scopo ho utilizzato un dispositivo, quale la camera di Ussing, che mi ha consentito di monitorare alcuni parametri elettrofisiologici e in modo particolare il potenziale transepiteliale, la corrente di cortocircuito e la resistenza transepiteliale che rappresentano un indice della funzionalità del tessuto.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE La problematica della reazione tra i sali e gli acidi biliari ed il sistema digerente è largamente presente in letteratura in quanto l‟impatto di queste sostanze particolari sulla funzione, ma anche sull‟integrità del sistema digerente, è notevole e lungi da essere compreso in tutti i suoi aspetti. I sali biliari sono composti anfipatici che si comportano come detergenti a concentrazioni superiori la concentrazione critica micellare (CMC). In queste condizioni sono utili all‟organismo, ma possono anche danneggiarlo in quanto si tratta di composti ad elevata tossicità. Ricerche riportate in letteratura dimostrano che l‟alimentazione ricca di grassi è correlabile ad una ridotta capacità di assorbimento a livello dell‟intestino tenue, a cui fa seguito un aumento della quantità dei sali biliari idrofobici che raggiungono colon e retto. In tali condizioni i sali biliari divengono i principali agenti eziologici di malattie severe come epatiti fulminanti, malattie croniche del fegato, pancreatiti, danni alla mucosa gastrica, all‟esofago e all‟epitelio intestinale. Rappresentano, inoltre, i promotori di gravi forme cancerose. In letteratura sono riportati numerosi esempi dei danni prodotti dai sali biliari, studiati con diverse metodiche e su diversi modelli. Nel gruppo di ricerca nel quale è stato svolto questo lavoro di tesi da molti anni sono condotti studi che concernono l‟azione dei sali e degli acidi biliari su vari substrati e nei diversi aspetti delle loro interazioni. Gli esperimenti eseguiti nel corso di questo lavoro di tesi, integrano le conoscenze acquisite arricchendole di importanti dati riguardanti l‟effetto dei sali biliari sui meccanismi di trasporto ionico del colon umano.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Rita Antonia Daddabbo Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 611 click dal 10/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.