Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

New Product Development in the food industry - Lo sviluppo di nuovi prodotti nel settore alimentare

Il sempre più rapido e ampio sviluppo economico e sociale che caratterizza il nostro tempo ha portato oggigiorno ad un mutamento nei comportamenti di consumo, coinvolgendo in particolare le dinamiche del consumo alimentare delle persone.
Questo cambiamento nelle abitudini alimentari può essere imputato a varie cause, tra queste possiamo certamente annoverare fattori demografici e comportamentali come la crescita della percentuale di persone single, l’aumentata partecipazione femminile nel mercato del lavoro, la differente attribuzione delle ore di pausa e ristoro e di quelle lavorative nell’arco delle giornata, il modificarsi dell’età media della popolazione, e non per ultimo, l’influenza che i media esercitano nelle scelte dei consumatori.
Tutte queste cause hanno spinto la popolazione a modificare le proprie abitudini culinarie e i propri stili di vita, causando così un cambiamento nella domanda di prodotti alimentari.
Basti pensare che in passato la quasi totalità della domanda nel mercato alimentare era composta da famiglie, con un nucleo familiare più o meno allargato, all’interno del quale la figura femminile nel ruolo di colei che doveva curare la casa e la famiglia, aveva il compito di decidere cosa e quanto comperare. Oggi, tuttavia, l’emancipazione femminile ha permesso un avvicinamento dell’uomo alle attività di acquisto e preparazione degli alimenti.
Un altro elemento che ha sicuramente influito sulla domanda di beni alimentari in questi ultimi anni, è stata la crisi economica: secondo i dati Inea per il 2009 , la spesa delle nostre famiglie è rimasta pressoché ferma allo stesso livello nel corso degli ultimi anni, ma sono diminuiti parecchio i volumi acquistati; questo è da ricondursi sicuramente all’aumento dei prezzi dei generi alimentari, ma anche ad un cambiamento dei gusti e degli stili di vita dei consumatori italiani.
La razionalizzazione della spesa, tuttavia, è un fenomeno che non ha riguardato in maniera indiscriminata tutti i prodotti. Ad esserne stati colpiti sono stati soprattutto i prodotti maturi (radicati nella tradizione alimentare italiana), caratterizzati da livelli saturi di consumo. Diverso è apparso, invece, il comportamento della domanda di prodotti a cui il consumatore attribuisce valori o funzioni diverse da quelli tesi a soddisfare il solo bisogno 4 alimentare (prodotti caratterizzati, ad esempio, da un forte connotato salutistico o di servizio). Infatti, nel momento in cui ci si allontana dai prodotti di base (ovvero quelli che vivono una stadio di maturità della domanda), il mercato interno diventa altamente dinamico (ISMEA, 2007). Ciò vale principalmente per i prodotti che incorporano servizi, ma anche per quelli salutistici.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il sempre piø rapido e ampio sviluppo economico e sociale che caratterizza il nostro tempo ha portato oggigiorno ad un mutamento nei comportamenti di consumo, coinvolgendo in particolare le dinamiche del consumo alimentare delle persone. Questo cambiamento nelle abitudini alimentari può essere imputato a varie cause, tra queste possiamo certamente annoverare fattori demografici e comportamentali come la crescita della percentuale di persone single, l’aumentata partecipazione femminile nel mercato del lavoro, la differente attribuzione delle ore di pausa e ristoro e di quelle lavorative nell’arco delle giornata, il modificarsi dell’età media della popolazione, e non per ultimo, l’influenza che i media esercitano nelle scelte dei consumatori. Tutte queste cause hanno spinto la popolazione a modificare le proprie abitudini culinarie e i propri stili di vita, causando così un cambiamento nella domanda di prodotti alimentari. Basti pensare che in passato la quasi totalità della domanda nel mercato alimentare era composta da famiglie, con un nucleo familiare piø o meno allargato, all’interno del quale la figura femminile nel ruolo di colei che doveva curare la casa e la famiglia, aveva il compito di decidere cosa e quanto comperare. Oggi, tuttavia, l’emancipazione femminile ha permesso un avvicinamento dell’uomo alle attività di acquisto e preparazione degli alimenti. Un altro elemento che ha sicuramente influito sulla domanda di beni alimentari in questi ultimi anni, è stata la crisi economica: secondo i dati Inea per il 2009 , la spesa delle nostre famiglie è rimasta pressochØ ferma allo stesso livello nel corso degli ultimi anni, ma sono diminuiti parecchio i volumi acquistati; questo è da ricondursi sicuramente all’aumento dei prezzi dei generi alimentari, ma anche ad un cambiamento dei gusti e degli stili di vita dei consumatori italiani. La razionalizzazione della spesa, tuttavia, è un fenomeno che non ha riguardato in maniera indiscriminata tutti i prodotti. Ad esserne stati colpiti sono stati soprattutto i prodotti maturi (radicati nella tradizione alimentare italiana), caratterizzati da livelli saturi di consumo. Diverso è apparso, invece, il comportamento della domanda di prodotti a cui il consumatore attribuisce valori o funzioni diverse da quelli tesi a soddisfare il solo bisogno

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Davide Marchioretto Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1339 click dal 15/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.