Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adolescenza e trasgressione nella società di oggi. Il significato della sfida: con se stessi o con il mondo?

L'adolescenza viene intesa come seconda nascita, in quanto profondamente 'sconvolta' da significativi cambiamenti in ogni area di sviluppo: da quella fisica a quella sessuale, a quella psicologica e a quella relazionale.
Tale cambiamento genera una crisi che modifica e trasforma il mondo interno e le modalità di relazione dell'adolescente con il mondo esterno, per cui il soggetto è portato a trasferire nell'azione tutte quelle ansie e frustrazioni che nascono dal fatto di essere uno spettatore passivo del suo corpo che cambia. Proiettandole verso l'esterno, l'adolescente è in grado di gestirle e di placarle. Ecco perchè nascono i comportamenti a rischio.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Questo lavoro affronta il tema dell‟adolescenza e del disagio adolescenziale, approfondendo gli argomenti riguardanti la trasgressione, i comportamenti a rischio e la sfida insiti nel processo di crescita adolescenziale. L‟intento è quello di comprendere le motivazioni che legano l‟adolescente alla ricerca del rischio e se ciò sia espressione di un disagio o di una „normale‟ tappa per il suo sviluppo. In particolare, l‟obiettivo è quello di dimostrare che gli atteggiamenti „agiti‟ dall‟adolescente sono spesso conseguenza di una crisi, di una catastrofe, di un break down evolutivo, che avvengono nel momento in cui il soggetto avvia il suo percorso verso l‟età adulta e cioè quando avvengono in lui radicali cambiamenti che ne modificano aspetto, mente e relazioni. Questo elaborato parte dal presupposto che ogni fase di transizione della vita ha molteplici valenze. Da un lato è occasione non solo di nuove prospettive di sviluppo e di esperienze, ma anche di apprendimento di nuove capacità personali e relazionali; dall‟altro rappresenta un periodo di vulnerabilità, in quanto mette in crisi e disorganizza il sistema dei riferimenti e di condotte abituali. L‟adolescenza si configura, quindi, come un periodo di crisi caratterizzato da una messa in discussione non solo di se stesso, ma anche degli equilibri personali che spinge l‟adolescente ad avviare un processo di separazione dai vecchi legami affettivi e da tutto ciò che lo legherebbe ancora al periodo infantile e a compiere scelte che influenzano l‟identità adulta e l‟intero corso della vita. I conflitti adolescenziali sono strettamente funzionali all‟autonomia e all‟indipendenza. Il senso di incertezza, di inquietudine e di angoscia che pervade l‟adolescenza scaturisce, allora, non solo dal desiderio, ma anche dalla paura di crescere. La letteratura su tale argomento, naturalmente, è già di per sé molto vasta, ma il mio desiderio è quello di mettere a confronto le varie tesi dei numerosi autori che si sono occupati di adolescenza e vedere in che relazione

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Veronica Giannetti Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7156 click dal 11/02/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.