Skip to content

US Covert Operations during the Cold War: Origins and Theoretical Relevance

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Pasquali
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Universität Bremen / Jacobs University Bremen
  Facoltà: International Relations
  Corso: International relations: Global Governance and Social Theory
  Relatore: Peter Mayer
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 38

The US conduction of covert actions against other freely elected governments during the Cold War represents till today a conundrum for scholars of the Democratic Peace Research Program. Some of them have referred to the Kantian paradigm of “republic” in order to point out how the targeted nations were not yet a democracy. However, only a few have focused on the democratic role of the US at the moment of intervention and questioned their internal decisional structure leading to the undertaking of these operations. Through the development of a constructivist prospective, this study will try not simply to understand what brought about the American covert answer in the aftermath of the Second World War, but also in which extent such an attitude can relate with the presence of an internal democratic structure and a wide spread acknowledgment of international law and the principle of non-interference.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ABSTRACT: The US conduction of covert actions against other freely elected governments during the Cold War represents till today a conundrum for scholars of the Democratic Peace Research Program. Some of them have referred to the Kantian paradigm of “republic” in order to point out how the targeted nations were not yet a democracy. However, only a few have focused on the democratic role of the US at the moment of intervention and questioned their internal decisional structure leading to the undertaking of these operations. Through the development of a constructivist prospective, this study will try not simply to understand what brought about the American covert answer in the aftermath of the Second World War, but also in which extent such an attitude can relate with the presence of an internal democratic structure and a wide spread acknowledgment of international law and the principle of non-interference. Introduction and methodology Research question: Why did the US undertake covert operations against democratic states during the Cold War? How does this evidence relate with the dyadic assumption of the Democratic Peace Theory? The main purpose of this paper is to explain, as clearly as possible, the motives that brought about what Gregory Treverton (1987: 996) has defined as “the American second answer to the onset of the Cold War”, that is the adoption by the US administration of a “shadow warfare” technique aimed to interfere more or less directly in the internal affairs of independent foreign countries. The purpose is not merely to give an account for the American decision to undertake covert military actions in the immediate post-war period, but rather to concentrate on the reasons that led a democracy to act covertly against other democracies, not necessarily through warlike military operations, but also by actions of “psychological warfare” (Treverton 1987) (Rudgers 2000), propaganda, disinformation and other activities plotted and carried out “so that the role of the US Government is not apparent or acknowledged publicly” (Damrosch 1989: 796). The study is conceived in relation to the two fundamental research criteria specified by King et al. (1994: 15): importance for the real world and, at the same time, theoretical relevance as contribution to a specific scholarly literature. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cold war
constructivism
covert actions
covert operations
democracy
democratic peace theory
kant
non interference
perpetual peace

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi