Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore non profit in Italia: il caso delle istituzioni ecclesiastiche

Il settore non profit è costituito dall’insieme delle organizzazioni che esercitano un’attività economica non finalizzata alla distribuzione degli eventuali utili conseguiti, destinati integralmente all’autofinanziamento.
Uno dei più importanti fattori di sviluppo di un “terzo settore” è l’incapacità dello Stato e del mercato, di far fronte ad una nuova tipologia di bisogni sociali: in ciò, da un lato si rispecchia la crisi dei sistemi di welfare che, nati per fornire assistenza alle fasce più deboli, sono stati, in realtà, lo scudo dietro il quale, soprattutto nel nostro Paese, si è nascosto un colossale trasferimento di risorse a favore di alcune categorie privilegiate, in cambio del sostegno politico, senza per questo garantire servizi efficienti e, soprattutto efficaci, e dall’altro dimostra, ancora una volta, che il mercato non è il migliore meccanismo di allocazione dei beni cosiddetti pubblici o relazionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il settore non profit è costituito dall’insieme delle organizzazioni che esercitano un’attività economica non finalizzata alla distribuzione degli eventuali utili conseguiti, destinati integralmente all’autofinanziamento. Uno dei più importanti fattori di sviluppo di un “terzo settore” è l’incapacità dello Stato e del mercato, di far fronte ad una nuova tipologia di bisogni sociali: in ciò, da un lato si rispecchia la crisi dei sistemi di welfare che, nati per fornire assistenza alle fasce più deboli, sono stati, in realtà, lo scudo dietro il quale, soprattutto nel nostro Paese, si è nascosto un colossale trasferimento di risorse a favore di alcune categorie privilegiate, in cambio del sostegno politico, senza per questo garantire servizi efficienti e, soprattutto efficaci, e dall’altro dimostra, ancora una volta, che il mercato non è il migliore meccanismo di allocazione dei beni cosiddetti pubblici o relazionali. Nel primo capitolo, tali aspetti saranno trattati diffusamente, con particolare riferimento alle teorie economiche sul terzo settore, sia in relazione ai temi classici del fallimento dello Stato e del fallimento del contratto, sia fornendo un’ulteriore giustificazione all’esistenza del settore non profit, combinando la teoria del fallimento del mercato con le assunzioni dell’economia dei costi di transazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Remo Minervino Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3278 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.