Skip to content

La Teoria dei giochi e i modelli oligopolistici applicati al mercato dei ''soft drink'': il caso Coca-Cola vs Pepsi.

Informazioni tesi

  Autore: Annamaria Russo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Giuseppe Coco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

La presente Tesi di Laurea affronta problematiche relative alla Teoria dei Giochi e all’Oligopolio. La scelta di analizzare questi temi è dipesa dalla loro sempre maggiore rilevanza e dalla pertinenza delle due metodologie nello spiegare gli equilibri concorrenziali in un’industria. Se, infatti, fino a poco tempo fa, i rapporti che si instaurano tra le imprese venivano studiati alla luce di una concezione atomistica, recentemente quest’ultima è stata considerata da molti superata e incompleta e, proprio per questi motivi, si è deciso di adottare criteri ad essa complementari, dedicando sempre maggiore attenzione all’analisi dell’interazione strategica tra i soggetti economici.
Gli strumenti che meglio si adattano ad affrontare l’argomento dell’interconnessione sono, senza alcun dubbio, la Teoria dei Giochi - sul piano metodologico - e i modelli oligopolistici. Tuttavia occorre sottolineare che i modelli considerati in questa Tesi sono estremamente semplificati rispetto ad un sistema economico complesso com’è quello reale, nel quale - per essere in grado di competere efficacemente - bisogna valutare anche molti altri fattori, quali ricerca, posizionamento, pubblicità.
L’importanza e la correttezza delle due metodologie analizzate sono avvalorate dal caso portato ad esempio nella parte finale della presente trattazione, ovvero la cola-war tra i due colossi del settore delle bibite analcoliche: Coca-Cola e Pepsi.
Dall’analisi si riscontra che i risultati teorici riconducibili alle supposizioni dei modelli, in particolare le ipotesi fatte da Farid Gasmi, Quang Vuong e Jean Jacques Laffont in merito ai prezzi medi praticati dalle due imprese dal 1968 al 1986, sono in realtà molto vicini a quelli poi effettivamente registrati nel periodo.
Questo rafforza ulteriormente la tesi secondo cui la Teoria dei Giochi e quella dell’Oligopolio sono strumenti utili al management aziendale per la comprensione dei fenomeni economici tipici di una realtà industriale.
La struttura della tesi è come segue. Nel capitolo 1 si analizza - nei suoi vari aspetti - la Teoria dei giochi, andando a toccare argomenti quali: cos’è, come si rappresenta e come si risolve un gioco. Lo sviluppo della Teoria e, in particolar modo, del concetto di Equilibrio di Nash, ha permesso l’applicazione del suddetto equilibrio per individuare i risultati dell’interazione tra le imprese, specialmente nei mercati oligopolistici. Per questo, nel capitolo 2 si esaminano dettagliatamente i
modelli di Cournot, Bertrand e Stackelberg, con una particolare attenzione riservata all’oligopolio con prodotti differenziati. Inoltre si confrontano le tre strutture oligopolistiche alla luce delle formulazioni cui siamo arrivati nel corso del capitolo.
Infine, nel capitolo 3, ci si concentra su un caso reale: la lotta concorrenziale tra Coca-Cola e Pepsi. Questa viene inquadrata utilizzando i concetti analizzati nei capp. 1 e 2, ovvero la Teoria dei Giochi, in particolare il dilemma del prigioniero, e l’oligopolio di Bertrand con prodotti differenziati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1. La Teoria dei Giochi 1.1 Note introduttive alla Teoria dei Giochi 1 La teoria dei giochi è lo strumento che meglio si presta per l’analisi delle situazioni d’ interazione strategica, ovvero quelle in cui l’utilità di un individuo non dipende solo dal proprio comportamento, ma anche dalle azioni compiute da altri soggetti. La teoria può essere applicata ad ogni contesto decisionale nel quale sono rilevanti la propria scelta e quella altrui, per questo è utilizzata in economia, psicologia, scienze politiche, strategie militari, ecc. La teoria dei giochi fu formalizzata per la prima volta nel 1944 2 da parte di un matematico, John von Neumann , e di un economista, Oskar Morgenstern . Von Neumann credeva nella superiorità della ragione e in una realtà esclusivamente razionale quale strumento per affrontare le situazioni del quotidiano. Le sue idee hanno dato origine ad un ramo della matematica che si propone di affrontare problemi decisionali, risolvere conflitti e dilemmi sociali. Questi studi furono ulteriormente sviluppati da Morgenstern, il quale approfondì l’analisi di alcuni tra i più importanti principi alla base della teoria dei giochi, in particolare l’esistenza di criteri comportamentali ottimali per i “giocatori” e la presenza di posizioni d’equilibrio, ovvero di combinazioni di scelte che forniscono risultati da cui gli agenti non sono più propensi a deviare. 1 MARIATERESA FIOCCA, “Teoria dei giochi e neuroeconomia” , Rivista della Scuola superiore dell'economia e delle finanze, Articoli , Gennaio 2010, http://rivista.ssef.it/site.php? page=20051028102807106 . 2 JOHN VON NEUMANN and OSKAR MORGENSTERN, Theory of Games and Economic Behavior , Princeton University Press, 1944. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bertrand
coca cola
cournot
differenziazione
dilemma del prigioniero
economia
economia politica
giochi cooperativi
giochi in forma estesa
giochi in forma normale
giochi non cooperativi
giochi ripetuti
marketing
oligopolio
payoff
pepsi
prodotti differenziati
soft drink
stackelberg
teoria dei giochi
nash

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi