Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione politica: influenza del testo e del volto

Con il presente lavoro vogliamo fornire dei risultati che rivelino come i cittadini siano influenzati dalla comunicazione verbale e non verbale dei leader politici, entrambe fondamentali soprattutto nella società odierna nella quale gli elettori devono prendere decisioni in un clima sempre più stressante e competitivo. Ci preoccuperemo di chiarificare cosa sia la psicologia politica, prenderemo in esame alcuni processi cognitivi, ci occuperemo della comunicazione non verbale, affronteremo il tema del political marketing, riporteremo gli studi condotti da Todorov e descriveremo il nostro esperimento effettuato presso la facoltà di Psicologia 2 nel periodo di primavera-autunno del 2010.

Mostra/Nascondi contenuto.
23 3.1. LINGUAGGIO POLITICO E PROPAGANDA Il termine “propaganda” nasce in contesto religioso quando la Chiesa Cattolica nel XVI secolo organizza, come contrattacco alla diffusione del protestantesimo, una Sacra Congregatio de propaganda fide, un dipartimento preposto alla propagazione della fede cattolica. La propaganda moderna si sviluppa a partire dall‟incontro tra l‟intenzione del propagandista e l‟espressione di un bisogno reale da parte del pubblico a cui la propaganda è rivolta. Secondo Jacques Ellul (1983) l‟affermazione della propaganda di tipo moderno si ha solo con la prima guerra mondiale e la rivoluzione d‟ottobre in Russia. Esistono diverse definizioni e classificazione dei tipi di propaganda, tra queste alcune sottolineano il suo carattere di processo di formazione di mentalità collettive. Si può inoltre distinguere tra una propaganda ufficiale e non ufficiale a seconda dei canali e degli organismi che la promuovono (governativi o non governativi); una distinzione classica dei tipi di propaganda è quella proposta da McQuail: propaganda bianca, la quale fornisce un‟immagine positiva di una personalità, di un‟idea ecc, senza inganni o inesattezze; propaganda grigia, la quale opera una selezione che può giungere all‟inganno; propaganda nera che risulta ingannevole, distorcente e priva di principi. Le strategie di disseminazione dell‟informazione diventano strategie di diffusione della propaganda solo quando accompagnate da: messaggi propagandistici: identificare questi messaggi è un prerequisito necessario per studiare i metodi attraverso i quali vengono diffusi, per questo motivo è fondamentale conoscere le seguenti tecniche di produzione della propaganda; ricorso alla paura: attraverso il quale cerca di costruire il supporto instillando paura nella popolazione. Ad esempio Joseph Goebbels (Ministro della propaganda nel Terzo Reich) sfruttò la frase “i tedeschi devono morire”

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Jennifer Gucci Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5887 click dal 02/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.