Skip to content

Il precariato in Italia: quali disuguaglianze e quale Welfare?

Informazioni tesi

  Autore: Marika Fadini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Silvia Gherardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

Da alcuni anni ormai e in particolare con l’introduzione nel 1997 del pacchetto Treu e successivamente nel 2003 con la legge 30 si parla di flessibilizzazione del mercato del lavoro. Questa politica è stata introdotta in misura diversa e con diverse caratteristiche si può dire in tutti i paesi industrializzati occidentali.
In questa tesi cercheremo di illustrare il contesto entro cui si situa questa misura e attraverso quali strumenti è stata praticata. In particolare ci concentreremo sul caso italiano andando a verificare da quali caratteristiche è connaturato il mercato del lavoro italiano e come si è modificato cercando di ripercorrere parallelamente lo sviluppo economico mondiale nell’epoca della globalizzazione. In un’epoca di new economy e di organizzazione del lavoro a rete, l’Italia ha deregolamentato il mercato del lavoro introducendo normative che rendessero i contratti di lavoro più flessibili e più aderenti alle richieste del mercato così da rendersi modernamente più competitiva a livello internazionale.
Questa deregolamentazione del mercato producendo nuove forme di contratto di lavoro, diverse nelle tipologie di orario, di durata, di remunerazione nonché di diritti sociali e previdenziali ha comportato innanzitutto una differenza tra i “vecchi lavoratori” con contratti standard e i “nuovi lavoratori” con contratti atipici. Una differenza che è andata ad inficiare sulle prospettive di vita dei lavoratori i quali sono stati discriminati dal punto di vista oggettivo del contratto di lavoro con le sue nuove disposizioni e regole ed ha comportato un diffuso sentimento di insicurezza e precarietà relativo alle possibilità di non poter avere un posto fisso, di non essere economicamente indipendenti, di non sapere quale futuro aspettarsi e soprattutto di non essere in grado di programmarsi una vita stabile come quella, in linea generale, dei propri genitori. Molto spesso non avere un contratto stabile o non svolgere un lavoro abbastanza redditizio perché facente parte dei nuovi contratti di collaborazione, di formazione o di inserimento non dà la possibilità ai giovani lavoratori di crearsi una famiglia, avere figli o aprire un mutuo perché economicamente instabili. Oltre al discorso puramente economico i nuovi contratti atipici hanno diritti sociali diversi gli uni dagli altri e rispetto ai contratti standard ovvero a tempo indeterminato. Quindi anche pensare di avere figli o sposarsi avendo un contratto a termine o che non prevede il diritto alla maternità diventa maggiormente difficoltoso.
È così che il lavoro flessibile diventa lavoro precario ovvero una condizione dell’esistenza dei lavoratori i quali non possono più contare sul vecchio modello fordista del posto fisso, ma che vedono cambiare uno dopo l’altro i propri lavori, l’ubicazione e i tempi degli stessi con un riflesso negativo rispetto alla capacità di esprimere o realizzare una propria identità, integrarsi in un gruppo o in una comunità e stringere relazioni sociali importanti.
Una questione molto significativa che andremo ad analizzare è anche come questi lavori atipici per le loro caratteristiche e perché inseriti in un contesto macroeconomico di mercato del lavoro con determinate caratteristiche intrinseche, sviluppino o ricalchino disuguaglianze sociali producendo una segmentazione e un dualismo del mercato del lavoro. Per fare questo ci appoggeremo a dati Istat del 2004, 2006 e 2008 riproponendo, in alcuni casi, dati significativi sottoforma di grafici che tenteremo di commentare per verificare quali disuguaglianze si sono create con la deregolamentazione del mercato tentando di sostenere l’ipotesi secondo cui la deregolamentazione del mercato effettuata in Italia ha provocato nuovi rischi sociali che non sono stati presi debitamente in esame né correttamente analizzati prima di procedere con la riforma, ma soprattutto la creazione di nuove forme di lavoro atipico non è stata supportata da un adeguato sistema di welfare che ne riducesse i rischi.
Cercheremo infine di analizzare il sistema di welfare in Italia confrontandolo in particolare con quella che a livello europeo ed internazionale è la nazione che meglio sta interpretando e sostenendo i rischi causati dalla flessibilizzazione del mercato del lavoro: la Danimarca. Per il confronto con gli altri paesi ci limitiamo a rimandare ai dati Istat del 2008 relativi alle comparazioni internazionali in riferimento al mercato del lavoro e alle politiche di sicurezza sociale nonché ad alcune recenti ricerche su questi temi presentati in letteratura (Villa 2007, Reyneri 2005) nell’intento di capire a quale modello potersi ispirare per cogliere un possibile sviluppo, coerentemente con le proposte europeiste, del sistema di welfare italiano al fine di ridurre i nuovi rischi sociali cui sono sottoposti i lavoratori precari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Da alcuni anni ormai e in particolare con l’introduzione nel 1997 del pacchetto Treu e successivamente nel 2003 con la legge 30 si parla di flessibilizzazione del mercato del lavoro. Questa politica è stata introdotta in misura diversa e con diverse caratteristiche si può dire in tutti i paesi industrializzati occidentali. In questa tesi cercheremo di illustrare il contesto entro cui si situa questa misura e attraverso quali strumenti è stata praticata. In particolare ci concentreremo sul caso italiano andando a verificare da quali caratteristiche è connaturato il mercato del lavoro italiano e come si è modificato cercando di ripercorrere parallelamente lo sviluppo economico mondiale nell’epoca della globalizzazione. In un’epoca di new economy e di organizzazione del lavoro a rete, l’Italia ha deregolamentato il mercato del lavoro introducendo normative che rendessero i contratti di lavoro più flessibili e più aderenti alle richieste del mercato così da rendersi modernamente più competitiva a livello internazionale. Questa deregolamentazione del mercato producendo nuove forme di contratto di lavoro, diverse nelle tipologie di orario, di durata, di remunerazione nonché di diritti sociali e previdenziali ha comportato innanzitutto una differenza tra i “vecchi lavoratori” con contratti standard e i “nuovi lavoratori” con contratti atipici. Una differenza che è andata ad inficiare sulle prospettive di vita dei lavoratori i quali sono stati discriminati dal punto di vista oggettivo del contratto di lavoro con le sue nuove disposizioni e regole ed ha comportato un diffuso sentimento di insicurezza e precarietà relativo alle possibilità di non poter avere un posto fisso, di non essere economicamente indipendenti, di non sapere quale futuro aspettarsi e soprattutto di non essere in grado di programmarsi una vita stabile come quella, in linea generale, dei propri genitori. Molto spesso non avere un contratto stabile o non svolgere un lavoro abbastanza redditizio perché facente parte dei nuovi contratti di collaborazione, di formazione o di inserimento non dà la possibilità ai giovani lavoratori di crearsi una famiglia, avere figli o aprire un mutuo perché economicamente instabili. Oltre al discorso puramente economico i nuovi Introduzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi