Skip to content

La pubblicità che sorride: i casi "Fiat Panda" e "Smart fortwo"

Informazioni tesi

  Autore: Concetta Bambacaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Renée Capolupo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

La pubblicità è un fenomeno con cui, da anni, lo spettatore televisivo convive, eppure l’opinione che ha maturato di essa non sempre è positiva, nonostante sia un fenomeno che sempre più rappresenta e somiglia alla società cui appartiene. Questo lavoro vuole essere uno spunto di ricerca su un tipo di pubblicità che, invece, potrebbe essere definita “intelligente” perché tale considera il suo pubblico e perché lo coinvolge nella definizione del significato finale del singolo messaggio pubblicitario.
Il tipo di pubblicità in questione è la pubblicità ironica, ossia quel tipo di comunicazione il cui messaggio enuncia qualcosa mentre vuole intendere qualcos’altro. Lo spettatore, di fronte a questo tipo di informazione, non si sente ingannato perché è in grado di cogliere il reale messaggio attraverso alcuni indizi che lo orientano verso la comprensione esatta, indizi che deve desumere dal contesto, dalla mimica, dalle espressioni dei personaggi coinvolti. Ovviamente, affinché si possa comprendere correttamente una pubblicità ironica è fondamentale che, tra il soggetto-fonte e il soggetto-destinatario, siano condivise alcune conoscenze come la competenza linguistica, la capacità di decodificare indici espliciti, conoscenze culturali, ecc.. Proprio per questo motivo, già durante la realizzazione del messaggio, si presuppone che il pubblico sia un pubblico intelligente, congettura necessaria per poter emettere una pubblicità ironica, e diventa, per questo, parte attiva del processo comunicativo, in quanto deve decifrare un messaggio che si presenta apparentemente latente.
Lo spettatore è esposto a un messaggio che deve destare il suo interesse e cercare di mantenerlo attivo. Una pubblicità ironica, abbastanza rara in Italia, dove invece si preferisce la comicità, più schietta e palese, si presenta come una novità nel panorama della pubblicità, in quanto stuzzica mentalmente lo spettatore invitandolo a comprendere il messaggio reale. Se impostare una campagna pubblicitaria sull’ironia, potrebbe essere, quindi, una scelta originale, è anche vero che occorre considerare molti fattori affinché questa opzione risulti anche vincente.
La scelta di comunicare attraverso l’ironia, infatti, deve essere conseguente ad una riflessione ben ponderata. Gli elementi che entrano in merito a questa scelta sono diversi, dal tipo di prodotto alla tipologia di ironia utilizzata, dalla durata della campagna ironica alla cultura del pubblico a cui viene proposta.
Obiettivo di questo lavoro è, perciò, mostrare i motivi per cui questo genere di pubblicità può essere vincente. L’analisi segue l’evoluzione della pubblicità e la sua commistione con l’ironia per rendere note le caratteristiche intrinseche della comunicazione pubblicitaria e i meccanismi che portano al risultato finale, in questo caso gli spot della Fiat Panda, della Smart fortwo e, ad ulteriore dimostrazione, i commercial televisivi di altre automobili.
Il bene “automobile” reclamizzato, infatti, si presta bene a questo tipo di messaggio pubblicitario, in quanto necessita di propagare allo spettatore non solo informazioni a carattere tecnico, ma deve altresì trasmettere emozioni e valori. Oggetto di ironia può essere il bene stesso, ma anche il brand, luoghi comuni, e caratteristiche del bene che il pubblico considera difetti. Negli spot proposti, infatti, l’ironia è uno strumento utile per conquistare la simpatia del pubblico e la sua predisposizione favorevole verso l’automobile e la marca stessa, rivelando aspetti nuovi e quindi nuovi punti di vista e rinnovando in pregi quelli che inizialmente erano difetti.
Il lavoro è stato mosso dall’obiettivo di mostrare che questo tipo di pubblicità può essere un vantaggio in termini di visibilità e gradimento se realizzata con creatività, e che può invogliare lo spettatore a guardare e a reputare positivamente le interruzioni pubblicitarie. A questo scopo, l’analisi dei case-studies considerati, riguarda l’approccio con il pubblico e il linguaggio utilizzato per destare interesse e indurre la partecipazione dello spettatore.
Lo studio compiuto ha reso evidente i molteplici aspetti in cui la pubblicità ironica può realizzarsi, e la maggiore o minore pertinenza di questa forma di pubblicità con alcuni tipi di beni reclamizzati. Le considerazioni a cui si è giunti alla fine mostrano che l’ironia in Italia è latitante per questioni culturali e a causa dell’influenza che Carosello ha tuttora sulla pubblicità. I casi di pubblicità ironica italiana considerati, se da un lato mostrano la volontà di servirsi di questo linguaggio, dall’altro dimostrano che alcuni temi, nonostante siano trattati con un certo distacco e, appunto, ironia, non vengono accettati favorevolmente dalla società, a scapito, perciò di un’evoluzione della pubblicità nell’ambito ironico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 2 Introduzione “Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi, è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo.” (Henry Ford, 1922) Perché costringersi nel vano tentativo di risparmiare denaro, quando ciò che in fondo ci rende felici è lì, proprio davanti ai nostri occhi, distante solo un battito di ciglia? Lasciarsi andare ad un acquisto, realizzare un piccolo desiderio, appagando così un bisogno solo apparentemente frivolo o insignificante, che cos’ha di tanto sbagliato? Il consumo e tutto ciò che ruota intorno ad esso, come la pubblicità in particolare, fa parte di noi, della nostra quotidianità, della nostra essenza più profonda ed è per questo che diviene oggi giorno qualcosa di imprescindibile dal vivere quotidiano. Così potremmo parafrasare le emblematiche parole descritte dall’industriale Henry Ford. Frasi che esaltano o rimarcano l’importanza che ha acquisito ai giorni nostri la comunicazione pubblicitaria. Ormai è un dato di fatto, da diversi anni, che la pubblicità rappresenta, e ha da sempre rappresentato fin dalle origini, un importante strumento con cui comunicare. Sommerso dal flusso comunicativo pubblicitario che giorno per giorno inonda con i suoi annunci i diversi mezzi di comunicazione, il consumatore di certo non resta indifferente. Può scegliere, nel momento in cui uno spot o una réclame attira la sua attenzione, se spingersi o meno all’azione. Obiettivo di un pubblicitario è proprio questo. Favorire la predisposizione dell’utente all’acquisto. Per fare ciò, per evitare che la pubblicità diventi un momento noioso o, al limite, irritante, il pubblicitario è costantemente impegnato a ideare messaggi pubblicitari creativi che stimolino il destinatario a dedicare il proprio tempo e la propria attenzione. In un momento storico in cui per fare scalpore e per far parlare di sé, in televisione, si fa sempre più ricorso a volgarità e ad eccessi, questo lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiat panda
humour
ironia
pubblicità
pubblicità ironica
smart
umorismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi