Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle Strategie e delle Prestazioni d'Impresa: il caso Ford

Analisi del settore automobilistico nel periodo post-crisi 2008; analisi delle strategie adottate dei maggiori paesi industrializzati ed emergenti nel settore auto e prospettive future; storia della Ford e analisi degli indici di bilancio.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Il settore automotive Condizioni economiche del settore automobilistico   Il terremoto finanziario che sta scuotendo l'economia mondiale ha sul mercato dell'auto un impatto molto più pesante di quello che si poteva ottimisticamente sperare. La causa principale di questa situazione è data dalla crisi bancaria che ha ridotto la fiducia dei consumatori e chiuso virtualmente la porta alla possibilità di accedere al credito per acquistare nuove automobili, come dimostrano i dati relativi alle immatricolazioni registrati negli ultimi mesi. A questo si aggiunge l'indebitamento dei colossi del settore che ora rischiano il fallimento, o quanto meno, il ridimensionamento con la chiusura di diversi stabilimenti produttivi e il licenziamento di migliaia di dipendenti. Fortunatamente, grazie ad aiuti statali e eco-incentivi e alla ripresa, seppur lenta, dell'economia mondiale, si intravede una ripresa anche per il settore automobilistico. Le difficoltà dei grandi produttori di auto non si possono giustificare soltanto con l’attuale periodo di recessione. Le ragioni di tale crisi sono profonde e vanno ricercate in operazioni del passato decisamente poco lungimiranti. Una delle cause coincide, per esempio, con l’incapacità di adeguarsi al nuovo mercato, che in questo settore significa soprattutto conoscere i gusti e le preferenze dei consumatori. Con l’aumento del prezzo del petrolio, il consumatore si è infatti orientato verso l’acquisto di auto a basso consumo e di piccola cilindrata, laddove nelle grandi industrie si è continuato a produrre vetture spinte da motori molto potenti e quindi ad alto consumo (vedi mercato americano).

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paquale Rungi Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1134 click dal 20/05/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.