Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi ambientale iniziale impianto di termodistruzione rifiuti di Forlì

Questa tesi approfondisce il tema dell'analisi ambientale iniziale relativa ad un impianto di termodistruzione rifiuti della città di Forlì.

Mostra/Nascondi contenuto.
Contenuto della tesi. L'analisi ambientale iniziale dell'impianto di termodistruzione rifiuti di proprietà di CIS S.p.A., è stata redatta, in collaborazione con l'azienda stessa, al fine di perseguire i seguenti obiettivi: ξ acquisire le informazioni necessarie all'individuazione degli aspetti ambientali significativi delle attività svolte; ξ individuare le prescrizioni legali applicabili in materia ambientale; ξ raccogliere le informazioni atte ad individuare le aree di miglioramento delle prestazioni ambientali sul piano tecnico e gestionale; ξ costituire un punto di riferimento oggettivo per evidenziare i miglioramenti successivi. Nei primi capitoli vengono raccolte tutte le informazioni riguardanti l'impianto e il contesto ambientale in cui è inserito, al fine di poter individuare le componenti ambientali e gli aspetti ambientali. Per componenti ambientali si intendono, in conformità al D.P.C.M. 27/12/1998, quegli elementi dell'ambiente presenti nel sito o in prossimità ad esso, che possono essere intaccati dalle attività svolte. Per aspetti ambientali si intendono invece tutte quelle attività che, svolte in condizioni di esercizio o di emergenza, possono impattare sulle componenti ambientali. Nei capitoli successivi viene svolta l'analisi degli impatti nei seguenti passi: ξ vengono individuate, separatamente in condizioni di esercizio ed in condizioni di emergenza, quelle attività che colpiscono le componenti ambientali. ξ viene assegnato un valore ad ogni impatto in base alla durata, alla reversibilità ed all'estensione territoriale, ed in base alle caratteristiche della risorsa colpita (strategicità, rinnovabilità e rarità). ξ si raggruppano tutte le entità degli impatti in due matrici di Leopold, una per le condizioni di esercizio ed una per le condizioni di emergenza, e da esse vengono individuati gli aspetti ambientali più rilevanti. ξ in seguito si classifica la significatività degli aspetti ambientali in base al punteggio dei relativi impatti oppure in base ad altri criteri quali la presenza di prescrizioni legislative, di violazioni o di reclami. Si è quindi in grado, grazie all’identificazione degli aspetti ambientali più significativi, di “fotografare” lo stato delle attività che impattano maggiormente sull'ambiente. Su tali attività possono essere così definite tutte quelle responsabilità, quelle operazioni di controllo, monitoraggio, prevenzione e protezione, indispensabili per poter operare nel rispetto di uno sviluppo sostenibile dell'ambiente che ci circonda, e si è in grado di stabilire un punto di riferimento oggettivo a cui rapportare le condizioni di esercizio e le eventuali situazioni di emergenza future.

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Ivan Righi Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2783 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.