Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

E luce fu. L’illuminazione del genio di Nikola Tesla nella società moderna

La presente tesi si pone l’obiettivo di illustrare i punti principali dell’analisi dei processi culturali riguardanti gli immaginari collettivi che hanno interessato uno dei più illustri uomini del mondo scientifico della modernità: Nikola Tesla, nato nel 1856. Lo scienziato di origine serba è riconosciuto dalla comunità scientifica per l’omonima unità di misura atta a descrivere la densità di flusso magnetico o induzione magnetica senza la quale molti strumenti tecnologici moderni non potrebbero essere realizzati, dal televisore al cellulare fino ad internet. L’analisi, divisa in tre capitoli, si apre con un capitolo introduttivo atto a descrivere le condizioni contestuali in cui nasce il fisico, da quelle storiche a quelle socioeconomiche del periodo a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, fino ad illustrare l’immaginario collettivo dell’epoca, che Tesla sembra assorbire e a renderlo strumento per le sue oltre settecento invenzioni riconosciute dopo la sua morte avvenuta nel 1943. Il secondo capitolo racchiude, invece, la travagliata biografia del croato, descrivendo in modo generale, e poi dettagliato, le più importanti e rivoluzionarie scoperte e invenzioni che hanno rivoluzionato la società americana, e influenzato quelle degli scienziati europei. L’elaborato si conclude con un terzo capitolo che racchiude l’importanza ereditata da codeste invenzioni ai giorni nostri, i vantaggi che comportano e la serie sterminata di immaginari moderni riconducibili al soggetto in analisi. Il tutto incorniciato attraverso un metodo equilibrato e olistico di analisi al fine di rendere giusta gloria al più grande genio di tutti i tempi che sembra essere misteriosamente dimenticato da tutti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La presente tesi si pone l‟obiettivo di illustrare i punti principali dell‟analisi dei processi culturali riguardanti gli immaginari collettivi che hanno interessato uno dei più illustri uomini del mondo scientifico della modernità: Nikola Tesla, nato nel 1856. Lo scienziato di origine serba è riconosciuto dalla comunità scientifica per l‟omonima unità di misura atta a descrivere la densità di flusso magnetico o induzione magnetica senza la quale molti strumenti tecnologici moderni non potrebbero essere realizzati, dal televisore al cellulare fino ad internet. L‟analisi, divisa in tre capitoli, si apre con un capitolo introduttivo atto a descrivere le condizioni contestuali in cui nasce il fisico, da quelle storiche a quelle socioeconomiche del periodo a cavallo tra l‟Ottocento e il Novecento, fino ad illustrare l‟immaginario collettivo dell‟epoca, che Tesla sembra assorbire e a renderlo strumento per le sue oltre settecento invenzioni riconosciute dopo la sua morte avvenuta nel 1943. Il secondo capitolo racchiude, invece, la travagliata biografia del croato, descrivendo in modo generale, e poi dettagliato, le più importanti e rivoluzionarie scoperte e invenzioni che hanno rivoluzionato la società americana, e influenzato quelle degli scienziati europei. L‟elaborato si conclude con un terzo capitolo che racchiude l‟importanza ereditata da codeste invenzioni ai giorni nostri, i vantaggi che comportano e la serie sterminata di immaginari moderni riconducibili al soggetto in analisi. Il tutto incorniciato attraverso un metodo equilibrato e olistico di analisi al fine di rendere giusta gloria al più grande genio di tutti i tempi che sembra essere misteriosamente dimenticato da tutti.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Giuseppe De Salvin Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4458 click dal 08/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.