Skip to content

La cultura architettonica vercellese dell'Ottocento tra innovazione e restauro

Informazioni tesi

  Autore: Patrizia Tarantino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Luciano Re
Coautore: Bica Maria Cinzia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 403

La tesi ha lo scopo di delineare il panorama culturale ottocentesco in materia di architettura e restauro a Vercelli, attraverso lo studio dell’attività svolta dai progettisti nell’ambito della Commissione di Pubblico Ornato, massima autorità in campo di regolamentazione edilizia del secolo XIX.
L’indagine comprende un lasso di tempo che parte dal e si arresta intorno al 1884, quando si sviluppano nuovi orientamenti per il restauro che ribaltano le teorie fino ad allora consolidate.
La ricerca è stata condotta principalmente sulle fonti archivistiche vercellesi ed è stata successivamente integrata e confrontata con le fonti bibliografiche sul tessuto urbano locale.
Gli elementi acquisiti hanno portato alla scelta delle figure professionali al tempo più attive ed influenti ed il loro operato è stato approfondito mediante la schedatura dei singoli progetti; ciò ha consentito di effettuare una vasta catalogazione dei disegni presentati alla Commissione, tuttora conservati negli archivi comunali.
Gli edifici interessati dalle trasformazioni sono stati in seguito identificati attraverso un’indagine sulla topografia vercellese dello scorso secolo e, con l’ausilio delle notizie apprese dai testi; è stato possibile ricostruire l’iter progettuale e la stratificazione degli interventi.
Per una lettura più immediata del patrimonio architettonico ottocentesco sono state realizzate schede che forniscono, per ogni edificio, un’immagine fotografica attuale o di repertorio, la posizione nel tessuto urbano ed i contributi bibliografici.
Il panorama culturale che emerge da tali ricerche mette in evidenza come l’architettura vercellese dell’800 sia influenzata da due indirizzi prevalenti, con caratteristiche ed intenti differenti.
Il primo è rappresentato dalla cultura di tipo ingegneristico che dagli inizi del secolo si afferma nella ricerca di nuove tecnologie costruttive e nell’utilizzo di nuovi materiali in edilizia, soprattutto il ferro e il vetro strutturale; il secondo è quello più legato alla cultura del restauro e della tutela del patrimonio artistico che ha negli esponenti della famiglia Arborio Mella i principali sostenitori.
L’esempio più significativo dell’applicazione delle nuove conquiste tecnologiche si riscontra nella realizzazione della rete e della stazione ferroviaria, avvenuta ad opera di tecnici e di maestranze inglesi di provata esperienza. Il progetto originale dell’ingegner Woodhouse è oggi documentato da immagini di repertorio, in quanto l’attuale costruzione si deve ad un ampliamento di fine secolo. La particolare ubicazione, alle porte della città, fa sì che essa diventi il fulcro di alcuni dei più importanti collegamenti con il centro cittadino.
L’interesse volto al recupero delle forme del passato è testimoniato dai restauri eseguiti nell’800 su alcuni edifici religiosi, in particolare quelli medioevali, ma è anche alla base del restauro in stile neogotico della Casa Tizzoni, frutto della collaborazione di Edoardo Arborio Mella e dell’architetto Giuseppe Locarni.
La pratica professionale corrente si muove quindi all’interno di questi due poli, concretizzandosi soprattutto in realizzazioni di tipo eclettico, sulla scia del gusto dominante dell’epoca e nel rispetto delle prescrizioni dei Regolamenti edilizi e di igiene.
Un’area particolarmente interessata dalle trasformazioni ottocentesche, quindi oggetto di approfondimento, è quella in cui sorge il complesso religioso degli eremitani con la chiesa di S. Marco. Gli interventi previsti riguardano principalmente la riconversione a residenza privata delle aree di pertinenza del convento, che vengono rimodernate secondo il nuovo gusto estetico, messo in evidenza soprattutto nello stile scelto di volta in volta per le facciate che vengono regolarizzate nella scansione delle aperture, uniformate alle altezze degli edifici adiacenti e arricchite di motivi decorativi di tipo architettonico, scultoreo e pittorico.
La riqualificazione urbana ottocentesca tiene conto dei nuovi rettilineamenti stradali, previsti nel primo Piano Regolatore della città, redatto nel 1860 dall’ingegner Eugenio Ara al fine di eliminare le molte irregolarità, gli ostacoli esistenti ed ampliare le “pubbliche vie”, per renderle più rispondenti ai moderni criteri di igiene.
Per favorire questo processo si prevedono arretramenti dei confini delle proprietà private e gli allineamenti stradali dei fronti degli edifici.
Un altro protagonista della riplasmazione cittadina è il geometra-architetto Giuseppe Locarni, uno dei professionisti più attivi e quotati del tempo, le cui numerose opere, ampiamente documentate, più o meno note, sono ancora per la maggior parte visibili sul territorio vercellese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
V Introduzione L’argomento della tesi ha lo scopo di delineare il panorama culturale ottocentesco in materia di architettura e restauro nella città di Vercelli. In tal senso un punto di riferimento obbligato è costituito dall’attività svolta dai progettisti all’interno della Commissione di Pubblico Ornato, massima autorità in campo di regolamentazione edilizia del secolo XIX. La nostra indagine ha preso in considerazione un lasso di tempo che parte dal 1833 (anno dell’istituzione della Commissione) e si arresta negli anni intorno al 1884, periodo in cui si sviluppano nuovi orientamenti per il restauro che ribaltano le teorie fino ad allora consolidate. A questo proposito ricordiamo due episodi riferiti a quell’anno: la morte di Edoardo Arborio Mella, la cui figura caretterizza la concezione del restauro nell’ ‘800, e la costruzione del Borgo Medioevale in occasione dell’Esposizione torinese del restauratore portoghese Alfredo De Andrade che avvia simbolicamente una nuova generazione di restauratori. Gli strumenti di cui ci siamo serviti per la ricerca sono le fonti bibliografiche sul tessuto urbano locale e le principali fonti archivistiche attinenti gli argomenti presi in esame. Da quest’analisi sono stati acquisiti degli elementi che hanno portato alla scelta delle figure professionali al tempo più attive ed influenti; del loro operato è stato eseguito uno studio approfondito mediante la schedatura dei relativi progetti. Le informazioni ricavate sono state organizzate in tabelle che evidenziano, per ciascun progettista, i relativi disegni offrendo così una panoramica della loro produzione. I dati ricavati sono stati in un secondo tempo messi in relazione con gli edifici cui si riferivano, individuando in tal modo un campionario significativo dell’attività edilizia svolta da ciascuna delle figure professionali prese in esame; ciò ha permesso inoltre di verificare quali progettisti realizzano degli interventi sul medesimo edificio. Di una parte di queste architetture sono state realizzate schede che, oltre a fornire indicazioni sulla loro posizione nel tessuto urbano, riportano i contributi bibliografici dei testi consultati. Esse sono state suddivise, a seconda della destinazione d’uso, in edilizia pubblica, privata e religiosa. Successivamente sono stati individuati alcuni casi emblematici, a cui è stato riservato uno studio più attento, che hanno consentito di mettere in evidenza i temi relativi all’innovazione ed al restauro caratterizzanti il fermento culturale del XIX secolo. Il progetto della stazione è inserito nel processo di sviluppo tecnologico conseguente alla diffusione della rete ferroviaria in Piemonte. La diffusione delle strade ferrate segna fortemente il territorio e ne muta il paesaggio articolandolo con le nuove costruzioni che con esse si sviluppano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arborio mella
restauro
storia dell'architettura
giuseppe locarni
vercelli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi