Skip to content

Mafia e quotidiani: i casi di «La Repubblica» e «Il Giornale»

Informazioni tesi

  Autore: Federica Pizzuto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lettere
  Relatore: Oliviero Bergamini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

L’elaborato finale propone di analizzare il rapporto oscuro e delicato che intercorre tra l’organizzazione criminale Cosa Nostra e i quotidiani nazionali «La Repubblica» e «Il Giornale».
Dopo un primo approccio alla storia di Cosa Nostra, si è scelto di affrontare in particolar modo le relazioni che essa stringe con la politica; si è visto come l’organizzazione si sia prima appoggiata alla Democrazia cristiana e successivamente al movimento politico Forza Italia.
Si è partiti dalla strage di Capaci come evento culmine che ha cagionato la messa in moto di alcuni procedimenti giudiziari di notevole valore storico, politico e morale. Sono stati dunque studiati tre casi: il processo a Giulio Andreotti, il processo a Marcello Dell’Utri e le archiviazioni nei confronti di Silvio Berlusconi.
L’analisi di questi è stata completata attraverso lo studio di articoli pubblicati dalle due testate nazionali, affinché si potesse comprendere in che modo le due redazioni avessero scelto di trattare tali argomenti, quanto spazio vi avessero riservato all’interno del giornale e quali toni fossero stati adoperati. In tal modo si è potuto capire quale fosse l’atteggiamento dei quotidiani nei confronti di Cosa Nostra, dei suoi affiliati e dei suoi referenti politici.
Tra i due quotidiani in esame si è riscontrata una forte divergenza, le condotte delle due redazioni sono apparse differenti, conseguenza questa delle opposte linee politiche e delle diverse linee editoriali. Il rapporto di stretta dipendenza dei giornalisti dal proprio editore, ben in evidenza nel caso de «Il Giornale», ha inoltre sottolineato una profonda crepatura nel giornalismo italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
21 Capitolo 2 La strage di Capaci Il 23 maggio 1992 avviene l’epilogo della storia di un uomo capace di infliggere cocenti sconfitte 52 a Cosa Nostra. La mafia odiava Giovanni Falcone, il giudice che da anni aveva mostrato un’abile competenza nel rintracciare legami e vincoli tra uomini d’onore, colui che aveva compreso Cosa Nostra, che era diventato un’incommensurabile memoria storica. All’interno di un piano destabilizzante più ampio, Cosa Nostra porta a termine un progetto delittuoso a danno del magistrato più protetto d’Italia e lo fa attraverso la messa in scena della propria forza militare. Ci vorranno anni prima di comprendere chi sono i responsabili di una strage che ha stroncato le vite di cinque uomini, e servirà coraggio per individuare il movente di un delitto che pare non essere semplicemente mafioso. Capitolo 2.1 La cronaca Il 1992 rappresenta il culmine della sfida di Cosa Nostra allo Stato; Giovanni Falcone appariva allora come il suo nemico storico, il primo magistrato che era riuscito a comprendere il fenomeno mafioso, a prevederne mosse e strategie 53 . La mafia aveva già tentato di dissuaderlo dal portare avanti una lotta che lo avrebbe reso, prima o poi, un uomo morto. Falcone era consapevole del fatto che occuparsi di mafia significasse procedere su un territorio minato 54 . Già il 21 giugno 1989 cinquantasette candelotti di dinamite 55 erano stati piazzati tra gli scogli davanti alla sua villetta estiva all’Addaura (Pa), ma fortunatamente uno scrupoloso agente della scorta aveva impedito la strage. Il fallito attentato accertò la presenza di una talpa al Palazzo di Giustizia di Palermo, poiché nessuno poteva sapere che Falcone si sarebbe trovato lì quel giorno, se non 52 F. La Licata, Storia di Giovanni Falcone, Feltrinelli, 2003, pag. 19. 53 S. Lodato e P. Grasso, La mafia invisibile. La nuova strategia di Cosa Nostra, Milano, Arnoldo Mondadori, 2001, pag. 104. 54 G. Falcone, Cose di cosa nostra, a cura di M. Padovani, Milano, Rizzoli, 1991, pag. 45. 55 G. Ayala, Mafia: album di cosa nostra, a cura di F. Cavallaio, Milano, Rizzoli, 1992, pag. 242.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi