Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scenografia nel secondo futurismo

La presente ricerca intende illustrare l'importanza del movimento futurista nella evoluzione della scenografia teatrale in Italia. A tal fine abbiamo tratteggiato un breve profilo di F.T. Marinetti, fondatore del movimento, e delineato il clima storico-culturale nel cui ambito nasce e si sviluppa il futurismo. Nell'esposizione del lavoro ci siamo soffermati particolarmente sulla nascita di alcune espressioni teatrali del tempo e sul loro conseguente sviluppo scenografico, mettendo in risalto l'importanza che ha acquistato sempre più con il passare degli anni. Infine abbiamo posto una particolare attenzione alla attività e all'opera scenografica di Enrico Prampolini, punto focale del cosiddetto secondo futurismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa La presente ricerca intende illustrare l'importanza del movimento futurista nella evoluzione della scenografia teatrale in Italia. A tal fine abbiamo tratteggiato un breve profilo di F.T.Marinetti, fondatore del movimento, e delineato il clima storico-culturale nel cui ambito nasce e si sviluppa il futurismo. Nell'esposizione del lavoro ci siamo soffermati particolarmente sulla nascita di alcune espressioni teatrali del tempo e sul loro conseguente sviluppo scenografico, mettendo in risalto l'importanza che ha acquistato sempre più con il passare degli anni. Infine abbiamo posto una particolare attenzione alla attività e all'opera scenografica di Enrico Prampolini, punto focale del cosiddetto secondo futurismo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Giuseppe Tabacco Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10438 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.