Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Per una lettura de 'Il Ferro' di Gabriele D'Annunzio

Nata dalla lettura di una tra le opere più misconosciute del Gabriele D'Annunzio drammaturgo, questa tesi avanza una ipotesi di grande rilievo: il dramma 'Il Ferro' di Gabriele D'Annunzio rappresenta il testamento teatrale dell'autore. Inoltre è stato evidenziato come tale opera teatrale di Gabriele D'Annunzio sia un prodotto artistico tra i più raffinati e moderni del teatro di Gabriele D'Annunzio.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I “IL FERRO”: STORIA DEL TESTO E DELLE PERFORMANCES V olendo ripercorrere la genesi, l‟elaborazione testuale e la messa in scena dell‟ultima opera teatrale di Gabriele D‟Annunzio, è necessario ridefinire in senso cronologicamente corretto le tessere della realtà sconvolte dal passaggio del tempo e scomposte dalle varie intenzioni e convinzioni dei critici che hanno cercato di illuminare il 1913 di D‟Annunzio e quella sua opera teatrale (in verità spesso negletta) che è Il Ferro. Dunque, si comincerà inevitabilmente da quella notizia che numerosi studiosi hanno ripetuta, ovvero che D‟Annunzio avrebbe ideato Il Ferro almeno due decenni prima della sua stesura definitiva: “D‟Annunzio torna al genere tragico con un testo che aveva addirittura annunciato nel 1896” sostiene Andrea Bisicchia. Riporto il passo della lettera al Treves datata 18 luglio 1912+1, ovvero 1913 per l‟abruzzese superstizioso, nel quale lo stesso autore sentenzia: Il Ferro dev‟essere stato annunziato almeno vent‟anni fa. Perciò D‟Annunzio avrebbe accennato ad un simile progetto allorché si avvicinò all‟avventura teatrale, facendo della stessa pièce quasi un obiettivo della sua drammaturgia, obiettivo evidentemente non raggiunto con altre opere se non con quest‟ultima. Infatti, forse, riprendere nel 1913 un soggetto tanto simile a quello inscenato con La Fiaccola sotto il moggio nel 1905, significava che l‟autore, non soddisfatto del risultato a cui era pervenuto, cercava una resa migliore di quel soggetto. Piero Chiara fornisce 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Ausili Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 723 click dal 03/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.