Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I grandi prematuri: nuovi scenari della bioetica tra accanimento e cura. Possibili prospettive.

Voglio partire da un caso concreto perché la vita è fatta prioritariamente di casi e concretezza e dal caso provare poi a definire le questioni teoriche che vi ruotano attorno.
Careggi, 2 dicembre 2007: dopo un aborto alla ventesima settimana scelto dai genitori dopo che al feto era stata diagnosticata la sindrome di Klinefelter, un’anomalia cromosomica che colpisce le persone di sesso maschile e che comporta nel 93% dei casi la sterilità e caratteristiche fisiche particolari, il neonatologo di turno decide di rianimare il feto. Il piccolissimo lotta strenuamente tra la vita e la morte per quarantotto lunghissime ore attaccato a pompe e ventilatori di ogni tipo, ore di infinita agonia per lui e per i genitori, al termine delle quali il piccolo muore.

Partire dal caso di Careggi è molto significativo perché si tratta di un caso emblematico e paradigmatico che fa emergere tutti i nervi scoperti della gravosa questione dei grandi prematuri, che nei capitoli che seguiranno verranno affrontati ad uno ad uno, cercando più che di dare risposte definitorie di sollevare dubbi e domande sulla particolarissima situazione italiana.
Anzitutto: chi sono i grandi prematuri? Molto spesso sentiamo parlare – in particolare dai media – dei grandi prematuri senza operare distinzioni di sorta che invece hanno una grande rilevanza e che riguardano almeno due ordini di questioni:
l’età gestazionale;
i nati pretermine e i nati a seguito di interruzione volontaria di gravidanza.

Saranno queste le problematiche che ci troveremo ad affrontare nel primo capitolo, che ci permetterà quindi di aver delineato i punti essenziali per poter entrare nel secondo e presentare la situazione italiana con i vari documenti che hanno presentato altrettante posizioni molto spesso in contrasto tra loro. Vedremo quindi qual è la situazione attuale e cosa prevedono le linee guida al momento in vigore presso le aziende ospedaliere.
Non potremmo che constatare l’esiguità delle strutture italiane e la mancanza di informazione sulla questione sia tra i pubblici cittadini sia, cosa ben più grave, tra il personale sanitario.
E sarà proprio l’informazione il centro del terzo capitolo dedicato a comprendere chi deve decidere se, come e quando rianimare. Non nego fin da ora la mia posizione che conferisce l’ultima parola sempre alla madre, una madre quanto più informata quanto più aperta alle relazioni: non una madre che vuole decidere, ma una madre che entra in relazione con il padre e che si interfaccia con il medico in questa delicata situazione.
Il punto di vista che si adotterà in particolare in questo capitolo ma in generale in tutta la trattazione è quello del femminismo nella sua particolare veste dell’etica della cura.

Mostra/Nascondi contenuto.
Presentazione Voglio partire da un caso concreto perché la vita è fatta prioritariamente di casi e concretezza e dal caso provare poi a defnire le questioni teoriche che vi ruotano attorno. Careggi, 2 dicembre 2007: dopo un aborto alla ventesima settimana scelto dai genitori dopo che al feto era stata diagnosticata la sindrome di Klinefelter, un’anomalia cromosomica che colpisce le persone di sesso maschile e che comporta nel 93% dei casi la sterilità e caratteristiche fsiche particolari, il neonatologo di turno decide di rianimare il feto. Il piccolissimo lotta strenuamente tra la vita e la morte per quarantotto lunghissime ore attaccato a pompe e ventilatori di ogni tipo, ore di infnita agonia per lui e per i genitori, al termine delle quali il piccolo muore. Partire dal caso di Careggi è molto signifcativo perché si tratta di un caso emblematico e paradigmatico che fa emergere tutti i nervi scoperti della gravosa questione dei grandi prematuri, che nei capitoli che seguiranno verranno affrontati ad uno ad uno, cercando più che di dare risposte defnitorie di sollevare dubbi e domande sulla particolarissima situazione italiana. Anzitutto: chi sono i grandi prematuri? Molto spesso sentiamo parlare – in particolare dai media – dei grandi prematuri senza operare distinzioni di sorta che invece hanno una grande rilevanza e che riguardano almeno due ordini di questioni: 1. l’età gestazionale; 2. i nati pretermine e i nati a seguito di interruzione volontaria di gravidanza. Saranno queste le problematiche che ci troveremo ad affrontare nel primo capitolo, che ci permetterà quindi di aver delineato i punti essenziali per poter entrare nel secondo e presentare la situazione italiana con i vari documenti che hanno presentato altrettante posizioni molto spesso in contrasto tra loro. Vedremo quindi qual è 3

Tesi di Master

Autore: Samantha Maruzzella Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1203 click dal 14/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.