Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il viaggio a piedi: educazione e animazione

Questa dissertazione parla del viaggio, in particolare del viaggio a piedi, cercando di mettere in luce quali aspetti lo caratterizzano portando sempre più gente ad avvicinarsi a questa fantastica ed educativa esperienza

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questa dissertazione tratta del viaggio ed, in particolare, del viaggio a pie- di, cercando di mettere in luce i benefici “educativi” che questa esperienza può portare al soggetto che la vive. La passione per questo argomento è frutto della mia esperienza fatta sul “cammino di Santiago” che mi ha permesso di intravedere interessanti spunti in termini educativi, soprattutto a livello di crescita individuale; lo scopo è dunque quello di illustrare i benefici che ne sono derivati e potreb- bero spiegare che cosa sia successo durante questa straordinaria avventura. Il punto di partenza è una risposta data in un’intervista pubblicata dal quo- tidiano “Avvenire” in data mercoledì 10 dicembre 2008, dalla professores- sa Chiara Leone, camminatrice e docente di filosofia, alla domanda “Se le chiedessi un argomento per invogliare a mettersi su una strada da pellegri- ni?”. Questa la sua risposta: “Per un semplice motivo: dei tanti pellegrini che ho conosciuto, non ne ho trovato nemmeno uno che sia rimasto come prima, tutti ne sono usciti arricchiti”. In un primo capitolo, attraverso un’analisi dell’evoluzione del viaggio, sot- tolineo la sua prima importante peculiarità, ovvero come esso sia sempre stato inteso come metafora dell’intera condizione umana; il viaggiatore ha dunque la possibilità, durante il suo percorso, di avere continui rimandi con la propria vita e questo permette a questo tipo di esperienza di non essere fine a se stessa, ma provocare molte volte, nel soggetto, un cambiamento stabile e duraturo, che continua anche dopo l’arrivo. I capitoli successivi sono invece dedicati agli elementi caratteristici del viaggio: la partenza, che è la perdita di un’unione raggiunta con un am-

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Daniele Finocchiaro Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2933 click dal 14/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.