Skip to content

La percezione del paesaggio in aree a forte criticità: il caso di Ciserano

Informazioni tesi

  Autore: Luisiana Zucchinali
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Indirizzo ambientale e delle politiche del territorio
  Relatore: Renato Ferlinghetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

L’attuale modello di sviluppo comporta il pericolo di una omologazione territoriale e paesaggistica.

E’ necessario che ognuno di noi sia attento al proprio territorio, lo rispetti, lo conservi e valorizzi, educando a conoscere per agire in rete.

E’ in questo rinnovato interesse per il tema paesaggio che si pone il mio lavoro: una ricerca sulla percezione del paesaggio in aree a forte criticità, il caso di Ciserano; proprio perché i primi silenzi generalmente provengono da quanti ci abitano e ci sono nati. Amo questo territorio, qui sono nata e qui ho costruito casa per vivere con la mia famiglia, anche se in questi ultimi anni l’urbanizzazione, l’industrializzazione, associate ad una forte presenza multietnica sta veramente “provando” a livello identitario gli abitanti di Ciserano.

La ricerca si articola in un primo capitolo dove spiego il paesaggio come concetto polisemico in continua evoluzione, un secondo capitolo dove passo ad analizzare il caso di Ciserano come area a forte criticità e la percezione del paesaggio, le conclusioni vengono poi rimandate al terzo capitolo. Il lavoro è stato svolto con il CST, Centro Studi del Territorio “Lelio Pagani” dell’Università degli Studi di Bergamo, che da alcuni hanni ha attivato un gruppo di lavoro sulla percezione del paesaggio con il coordinamento della dottoressa Baldini Rosella e della dottoressa Frigerio Elisa.

I paesi fino ad ora presi in esame sono stati: Verdellino, Telate, Villa di Serio, Levate, Crespi d’Adda ed ora Ciserano. Ci sono stati momenti di progettazione, molto interessante ma anche variegata e complessa, poiché ha richiesto capacità di sintesi, problem-solving, espletamento delle conoscenze acquisite negli anni di studio universitario ponendo attenzione al discorso interdisciplinare, con l’ausilio soprattutto della geografia, dell’educazione ambientale, della psicologia dell’ambiente e della filosofia, nonché della pedagogia per l’approccio metodologico e dell’informatica per la stesura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Oggi il paesaggio è un tema cui viene dedicata grande attenzione, esso è al centro delle questioni politiche locali poiché spesso esiste uno scollamento tra realtà sociale, economica, lavorativa e realtà territoriale. Il paesaggio è divenuto un tema importante nella pianificazione del territorio su scala sovracomunale: è necessario proteggere il paesaggio, favorirne la conoscenza e permetterne la fruizione alle generazioni d’oggi e di domani. A volte attraversiamo il paesaggi, ci viviamo e diamo uno sguardo distratto: oggi siamo tutti presi dal ritmo vertiginoso del lavoro e facciamo fatica ad identificarlo. Suggestioni ed armonie convivono nel paesaggio: è ricchezza, a volte ha forte valenza eco- turistica, a volte le risorse agricole e la piccola-media impresa, non ci lasciano osservare altre ricchezza artistiche, architettoniche, culturali e paesistiche. L’attuale modello di sviluppo comporta il pericolo di una omologazione territoriale e paesaggistica. E’ necessario che ognuno di noi sia attento al proprio territorio, lo rispetti, lo conservi e valorizzi, educando a conoscere per agire in rete. E’ in questo rinnovato interesse per il tema paesaggio che si pone il mio lavoro: una ricerca sulla percezione del paesaggio in aree a forte criticità, il caso di Ciserano; proprio perché i primi silenzi generalmente provengono da quanti ci abitano e ci sono nati. Amo questo territorio, qui sono nata e qui ho costruito casa per vivere con la mia famiglia, anche se in questi ultimi anni l’urbanizzazione, l’industrializzazione, associate ad una forte presenza multietnica sta veramente “provando” a livello identitario gli abitanti di Ciserano. La ricerca si articola in un primo capitolo dove spiego il paesaggio come concetto polisemico in continua evoluzione, un secondo capitolo dove passo ad analizzare il caso di Ciserano come area a forte criticità e la percezione del paesaggio, le conclusioni vengono poi rimandate al terzo capitolo. Il lavoro è stato svolto con il CST, Centro Studi del Territorio “Lelio Pagani” dell’Università degli Studi di Bergamo, che da alcuni hanni ha attivato un gruppo di lavoro sulla percezione del paesaggio con il coordinamento della dottoressa Baldini Rosella e della dottoressa Frigerio Elisa. I paesi fino ad ora presi in esame sono stati: Verdellino, Telate, Villa di Serio, Levate, Crespi d’Adda ed ora Ciserano. Ci sono stati momenti di progettazione, molto interessante ma anche variegata e complessa, poiché ha richiesto capacità di sintesi, problem-solving, espletamento delle conoscenze acquisite negli anni di studio universitario ponendo attenzione al discorso interdisciplinare, con l’ausilio soprattutto della geografia, dell’educazione ambientale, della psicologia dell’ambiente e della filosofia, nonché della pedagogia per l’approccio metodologico e dell’informatica per la stesura. Non sono mancati convegni e seminari di approfondimento quali “Gli spazi urbani tra immaginario e realtà”, “Per una storia dei giardini a Bergamo”, organizzati dall’Università degli Studi di Bergamo. Ci sono stati anche sopraluoghi nel territorio di Ciserano, con il gruppo di lavoro del CST ed altri tecnici. I mezzi impiegati sono stati l’osservazione personale e l’utilizzo di strumenti quali la macchina fotografica digitale. E’ seguita l’elaborazione poi, la distribuzione e la raccolta del questionario: la percezione, la relazione, i desideri e le aspirazioni, l’immaginario. Ci sono stati momenti di intenso lavoro per l’analisi, l’interpretazione e le conclusioni relativamente ai dati raccolti. Sicuramente sono stati mesi di crescita non solo culturale, tecnica ma anche umana sperimentando di persona l’importanza di essere partecipe, soggetto attivo in una rete di lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi