Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La condizione degli Italiani nel dopoguerra nell'ottica della cinematografia neorealista

Analisi dei più significativi film del neorealismo italiano che mostrano la situazione dell'Italia e la condizione degli italiani nel secondo dopoguerra.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il periodo in cui nasce e si sviluppa il neorealismo nel cinema italiano è quello della seconda guerra mondiale. La nostra penisola si trova in una tragica situazione, in cui miseria e disoccupazione sono diffuse tra la gente. I film neorealistici cercano di dare voce ai problemi collettivi e ne prospettano o ne auspicano una soluzione positiva e lo fanno mediante un approccio diretto (simile al documentario) alle difficoltà ed alle grandi incertezze della popolazione. L’ambientazione nei luoghi autentici, con conseguenti riprese in esterni, lontano dagli studi cinematografici e l’utilizzo di attori non professionisti, danno un taglio reale alla rappresentazione cinematografica. La coralità della narrazione garantisce che al centro dell’attenzione non vi siano le vicende del singolo ma dell’intera collettività. Il neorealismo cinematografico ha breve durata: nasce all’inizio degli anni Quaranta, culmina nel periodo immediatamente successivo la seconda guerra mondiale e declina con gli anni Cinquanta. Esso non può essere considerato una vera e propria scuola cinematografica,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesca Calenco Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2409 click dal 14/03/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.