Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il counseling nelle attività di cura alla persona. Metodologie e strumenti della consulenza filosofica e pedagogica.

Questa tesi si pone l'obiettivo di dare un quadro preciso e il più completo possibile sul counseling come disciplina autonoma, nonché approfondire gli strumenti della consulenza filosofica e pedagogica nei servizi di cura alla persona.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il counseling, pur avendo origini antiche, è ancora un‟attività emergente nel panorama delle professioni, e in Italia non ha ancora ottenuto una precisa collocazione disciplinare. In quasi tutto il resto d‟Europa, invece, la consulenza ha una personalità ben delineata, con figure professionali accreditare e inserite pienamente nel mercato dei servizi alla persona. Nel nostro paese si ritiene che le attività di informazione, formazione, orientamento, bilancio delle competenze e sostegno nelle scelte personali e professionali dell‟individuo, siano già “incluse”, come funzioni secondarie, nel servizio offerto. Il counseling approccia invece in modo diretto proprio tali attività formative “secondarie”, ovviamente senza uscire da ambiti di lavoro specifici (per cui esiste una consulenza scolastica, familiare, filosofica, psicologica, ecc.), ma dandosi la mission di sostenere la persona nell‟affrontare oggetti da lui stesso identificati come problematici. Ad esempio – in ambito lavorativo – il problema prioritario da risolvere per un soggetto potrebbe non essere lo stato di disoccupazione, ma decidere se lanciarsi in un‟attività in proprio piuttosto che cercare un impiego dipendente; o effettuare un‟analisi dei rischi/benefici di un cambio di ruolo all‟interno della propria ditta. Sono bisogni che richiedono informazione, bilancio di competenze, orientamento. Ma i Centri per l‟Impiego non si fanno carico di affrontare questi bisogni particolari, in quanto non sono direttamente implicati con la ricerca di un lavoro, vero obiettivo del servizio in questione. Lo stesso discorso si potrebbe estendere a tutti gli altri servizi che tendono ad occuparsi di un problema specifico e si occupano di attività educative e formative solo a un livello marginale.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Elisa De Giovanni Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6239 click dal 04/03/2011.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.