Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La narrativa di Giuseppe Cassieri e l'ironia letteraria

Questo lavoro di tesi presenta, in una prospettiva di carattere monografico, l’originale personalità letteraria dello scrittore Giuseppe Cassieri ed analizza alcuni aspetti peculiari della sua narrativa approfondendo, in particolare, il tema dell’ironia ricorrente nei suoi romanzi.
Allo scopo di fornire un aggiornamento sulla figura e sull’opera dello Scrittore, nato a Rodi del Gargano, in provincia di Foggia, nel 1926 e morto a Roma nel 2008, si è delineato, nel capitolo iniziale dell’ elaborato, un ritratto dell’ Autore, tracciando un suo profilo bio–bibliografico, sulla base di un’interrelazione tra biografia ed autobiografia letteraria.
Lo studio qui condotto ha richiesto l’ utilizzo di una bibliografia critica specialistica sul tema dell’ironia, propedeutico alla definizione di un ambito teorico di riferimento e all’impostazione di alcuni elementi tecnici e descrittivi indispensabili per l’elaborazione del concetto più specifico di ironia letteraria.
La presenza dell’ironia, infatti, sembra essere, indubbiamente, uno degli aspetti più caratterizzanti della narrativa di Giuseppe Cassieri, ed ha avuto una funzione determinante nella graduale evoluzione tematico–stilistica in riferimento alla quale, si è parlato di una seconda stagione narrativa dell’Autore. Dopo le prime opere di matrice garganica, pubblicate tra il 1952 e il 1958, che per caratteristiche comuni, sia sul piano letterario che su quello dei temi e dei contenuti, costituiscono un ben delimitato ed omogeneo corpus narrativo, il romanzo di Cassieri approda ad una svolta in cui l’ironia si configura come il contrassegno della sua originale creatività letteraria e linguistica. La rinnovata inventio narrativa dello Scrittore, significativamente rappresentata dalla pubblicazione, nel 1960, del romanzo La cocuzza, e degli altri che ad esso faranno seguito, è strettamente connessa con la presenza di un’ ironia nella triplice valenza di componente tematica, di elemento strutturante del discorso narrativo e, infine, di strumento di conoscenza critica.
L’ironia, infatti, ha rappresentato in Cassieri l’acquisizione di un nuovo modo di interpretare i problemi dell’uomo che vive nella società odierna, neocapitalistica, consumistica e sempre più condizionata da una cultura prevalentemente tecnologica. Con riferimento, quindi, ad alcuni romanzi significativi in tal senso, si è tentato di mettere in evidenza tutti quegli elementi retorici, sintattici, lessicali e semantico–linguistici che, sul piano dei rapporti sintagmatici, concorrono a caratterizzare lo stile ironico della originale scrittura narrativa, e non solo narrativa, di Giuseppe Cassieri.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa Invitato dalla relatrice della mia tesi, alla presentazione del romanzo Homo felix di Giuseppe Cassieri, il 22 febbraio 2003, presso il Circolo Nautico di Gaeta, ebbi modo di intrattenermi in una breve ma intensa conversazione con l‟Autore. Intensa perché nel brevissimo tempo della sua durata, parlammo del dolore, della sofferenza e della morte, e di alcuni luoghi dei suoi romanzi che sono stati anche luoghi della mia vita e sono tuttora i luoghi della mia memoria e della mia infanzia. Dopo i lunghi anni trascorsi, del colloquio avuto con Cassieri in quel tardo pomeriggio d‟inverno, ancora ricordo la profonda sensazione di affetto e di familiarità che caratterizzò lo scambio di quelle poche parole e che suscitò in me il desiderio di approfondire la conoscenza dello Scrittore e della sua opera.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cesare De Stefano Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1250 click dal 22/03/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.