Skip to content

Umano, postumano, chimerico. Il Cremaster Cycle di Matthew Barney

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Baldaccini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Alessandra Lischi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

La lente attraverso la quale si è soliti leggere la storia dell’arte contemporanea (perlomeno quella che va dagli anni Ottanta a oggi), sembra ogni volta acquisire una forma differente: di quella stessa storia, non si è in grado perciò, di avere sempre una sola ed unica interpretazione e per questo, al suo interno, non è possibile trovare molti punti di riferimento. Tra quei pochi che possiamo riuscire ad individuare, uno dei più importanti è sicuramente Matthew Barney (San Francisco, 1967), visionario artista statunitense che riesce a fondere insieme le più stimolanti forme espressive dell’arte del XX secolo, mescolando video e body-art, cinema e musica pop, scultura e performance.
Una realtà parallela è quella nella quale veniamo catapultati durante la fruizione dei lungometraggi del suo Cremaster Cycle, dove il tempo sembra congelarsi e lo spazio sembra estendersi all’infinito, e dove sono i corpi a scolpire le immagini, oggetto della nostra visione. Queste stesse immagini ci appaiono, tutto a un tratto, come creature viventi che solo noi possiamo mantenere in vita, non staccando loro mai gli occhi di dosso.
Obbiettivo di questa tesi sarà pertanto quello di concentrare la propria attenzione sui vari personaggi protagonisti del Cremaster Cycle, cercando di definirne i ruoli e provando a comprenderne, dove possibile, le stravaganti logiche di comportamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La lente attraverso la quale si è soliti leggere la storia dell’arte contemporanea (perlomeno quella che va dagli anni Ottanta a oggi), sembra ogni volta acquisire una forma differente: di quella stessa storia, non si è in grado perciò, di avere sem- pre una sola ed unica interpretazione. “Non avendo a disposizione il filtro del tem- po, è una storia che a seconda di chi la racconta ha versioni diverse o diverse ver- sioni” 1 e per questo, al suo interno, non è possibile trovare molti punti di riferimen- to. Tra quei pochi che possiamo riuscire ad individuare, uno dei piø importanti è sicuramente Matthew Barney (San Francisco, 1967), visionario artista statunitense che riesce a fondere insieme le piø stimolanti forme espressive dell’arte del XX se- colo, mescolando video e body-art, cinema e musica pop, scultura e performance. Potrebbe quindi essere costruttivo e affascinante, affrontare una riflessione che cerchi di focalizzarsi su uno degli aspetti piø interessanti della sua opera, e cioè sull’insistenza con la quale i corpi (soprattutto umani, ma non solo) costituiscono sempre il fulcro della rappresentazione all’interno delle sue operazioni artistiche. L’apice creativo di questa “filosofia dei corpi” si trova nel suo lavoro piø im- portante: il Cremaster Cycle. Il percorso che permette il consolidarsi di tale manie- ra di mettere in scena la corporalità, parte però da molto piø lontano, attraversando alcuni dei suoi lavori precedenti. Il primo tentativo con il quale Barney cerca di entrare nel mondo dell’arte è già in questo senso incredibilmente prorompente: Drawing Restraint 1 2 , datato 1987, viene da lui realizzato a soli vent’anni, mentre sta frequentando la Yale University. La performance vede il Nostro intento a realizzare un disegno su un foglio appeso nella parte piø alta del muro di una stanza, cercando di arrampicarsi sullo stesso grazie all’aiuto di vari attrezzi installati (quali corde o maniglie), con la difficoltà aggiuntiva di essere legato al pavimento da una fascia elastica. Il disegno deve ap- punto essere creato nel momento di massima tensione della fascia e quindi durante 1 Francesco Bonami, Arte Contemporanea - Duemila, Mondadori Electa, Milano 2008, p. 7. 2 Del ciclo Drawing Restraint sono stati realizzati in tutto, fino ad oggi, sedici capitoli (cfr. http://www.drawingrestraint.net).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
cremaster cycle
david cronenberg
matthew barney
postorganico
postumano
shinya tsukamoto
videoarte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi